Domanda di Conservativa

Risposte pubblicate: 11

Ripristino del punto di contatto tra due denti

Scritto da Laura / Pubblicato il
Buongiorno, Pongo un quesito relativo al ripristino del punto di contatto tra due denti (tra i due molari) venuto meno. Questo problema mi crea continui inserimenti di cibo tra i denti dandomi molto fastidio e dolore. Ho notato che passando il filo interdentale questo non 'scatta' all ingresso dello spazio interdentale, ma anzi sembra vi sia molto spazio tra i due denti. Il dentista al quale mi sono affidata mi ha proposto la creazione di un intarsio in composito per risolvere il problema, in 3 sedute. Vorrei capire se la tecnica proposta e' corretta perrisolvere il problema. Infine se esistono altre possibilità meno invasive dal pdv economico ( semplice otturazione). Grazie
Cara Signora Laura, buongiorno. Non c'è bisogno di fare un intarsio in composito, basta ed avanza una otturazione fatta a regola d'arte ricreando fosse e solchi e versanti cuspidali e soprattutto una corretta cresta marginale ed una giusta convessità interprossimale per ricreare il punto di contatto. E' possibile che si debba forse intervenire su entrambi i denti contigui, non conosco la situazione clinica per dirlo. Un intarsio in composito lo fa in genere chi non sa fare una conservativa (otturazioni) di qualità! L'intarsio ha senso , per me, solo se è fatto in oro giallo od in ceramica e se ci sono le indicazioni per fare un Onlay od un Inlay!. Altrimenti, come detto, una otturazione ben fatta, basta ed avanza, anzi è meglio dell'intarsio perché la modellazione dell'intarsio la fa l'odontotecnico in laboratorio ( con tutto il rispetto per l'Odontotecnico) e invece l'otturazione la fa in bocca il Dentista che può curare meglio i rapporti occlusali gnatologici e il punto di contatto e cresta marginale che ne è il fondamento occlusale insieme alla fossetta subito dietro la crsta e da cui partono i solchi dei movimenti gnatologici, insieme alle altre fossette e versanti cuspidali che consentono una corretta protrusiva e lateralità sin. e Dx. e in Relazione Centrica! Queste sono le basi dell'Odontoiatria Conservativa, diamine! Cari saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Buon giorno, sig.ra Laura, certamente, una buona otturazione di solito risolve il problema, soprattutto quando il composito usato è ad alte prestazioni, ma ci sono dei casi in cui la professionalità elevata dell'operatore e il materiale eccellente sono inefficaci e per tale motivo un intarsio può essere una soluzione alternativa efficacissima

Scritto da Dott. Marcello Macina
Modugno (BA)

Gentile Signora Laura, senza una visita parliamo solo in teoria: se il punto di contatto è difficilmente ricreabile con le matrici presenti in commercio, la soluzione dell' intarsio in resina è sicuramente affidabile e durevole nel tempo. Semmai bisognerebbe capire perché il punto di contatto non è perfetto e cioè se dipende dall' operatore o dalla estensione della cavità. Le variabili sono molte, se lo faccia spiegare bene dal professionista e si affidi a lui se ne ha fiducia.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Aldo Gattoni
Barberino di Mugello (FI)

Cara Laura, l'intarsio in composito e' un buon compromesso fra otturazione e protesi; da quando i pazienti non hanno piu' la disponibilita' economica degli anni ottanta hanno preso piede queste protesi. Sicuramente un intarsio in lega preziosa e' il non plus ultra della precisione ma e' brutto e costoso. A mio parere personale l'onlay in composito e' molto meglio di quello in ceramica avendo avuto la fortuna di vedere al microscopio le chiusure delle ceramiche senza metallo. Io però, se non sono distrutti i denti ,opterei per l'otturazione, in quanto piu' economica e efficace allo stesso modo dell'intarsio in composito.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giovanni Vergiati
Fornovo di Taro (PR)

L'intarsio metallico in oro zecchino è il restauro massimo - come qualità e come durata - solo se eseguito da mani esperte. Questo prodotto è carissimo, ma tanto durevole che il suo costo ripartito nel tempo potrebbe anche ritornare conveniente. L'intarsio non metallico si fa in plastica o in vetro colorato. La plastica viene raccontata come resina composita, il vetro colorato viene raccontato come porcellana feldspatica, oppure come disilicato di litio. Nel nostro tempo l'intarsio non metallico in plastica viene giudicato migliore di ogni pasta vetrosa, almeno da tutti i dentisti di buon senso. Un'altra soluzione sarebbe che lei cambi dentista, trovando qualcuno che si diverta a costruire un punto di contatto perfetto con la plastica di studio. Non è durevole, ma non c'è niente di male a riparalo di tanto in tanto, con una piccola spesa. Anche io per un taglio di capelli mi rammarico che poi cresceranno, ma forse sono troppo avaro con le piccole spese, pensando a dei soldi spesi per un esito non definitivo. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Laura, chiaramente tutto a un prezzo e un otturazione interdentale eseguita magistralmente può costare più di un intarsio in composito. Sicuramente la proposta del collega è corretta e forse è anche la più economica.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Se è possibile ripristinare il punto di contatto con un restauro diretto e relativo uso di matrici - cunei specifici, questa soluzione va più che bene. Se per motivi strutturali e parodontali non è possibile tramite restauro diretto, allora la soluzione dell'intarsio di tipo inlay o onlay (a seconda della struttura dentale residua) è altrettanto buona. Quindi dipende essenzialmente dalla situazione clinica, che soltanto il suo dentista può valutare.

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig.ra Laura, un composito diretto generalmente può risolvere il suo caso. Un intarsio sicuramente è una terapia migliore di un composito con un punto di contatto più accurato. Tutto si basa sul concetto di costo/beneficio nel scegliere la terapia giusta. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Ricostruzioni in composito, intarsi e corone sono le tre alternative per il ripristino del punto di contatto non consociamo la situazione clinica per cui non possiamo entrare nel dettaglio terapeutico. Cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia

Signora Laura, la ricostruzione in composito dovrebbe essere la prima scelta...ma non conoscendo la clinica se il suo dentista le ha proposto l'intarsio...si faccia motivare da lui.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia