Domanda di Conservativa

Risposte pubblicate: 8

Perché mi fa ancora male? devo preoccuparmi?

Scritto da Winky / Pubblicato il
Salve, sono una ragazza di 20 anni. Il mio dentista mi ha curato una carie, premetto che non avevo alcun dolore ma ha detto che ero un tantino profonda per cui prima ha medicato il dente e una settimana dopo ha concluso il dente, ovvero, lunedì 16 febbraio. Ho voluto l'anestesia sia la prima che la seconda volta. Prima che mi facesse l'anestesia lunedì, però, a tentato di curarmi il dente senza ma mi ha fatto un male terribile tanto che mi sono mossa di colpo.. mi ha detto che avevo fatto una mossa pericolosa ma il dolore è stato davvero improvviso e terribile! Finita l'operazione non ho mangiato per qualche ora.. quando l'anestesia andava scemando il dente ha iniziato a far male.. ieri e oggi il dolore non è più stato frequente ma lo avverto quando mangio, ovvero, se qualcosa preme sul dente.. Perché mi fa ancora male? devo preoccuparmi? Dall'altro lato ho già un dente devitalizzato molto debole, non posso continuare a mangiare solo da un lato.. e non voglio devitalizzare un altro dente!
Cara Signora Winky, buongiorno. Ma che sento! L'anestesia si fa sempre e basta! Molto "avaro" il suo Dentista! "Era un tantino profonda per cui ha medicato per una settimana". Inammissibile, evidentemente non ha fatto né una Visita conservativa con anche prove termiche per stabilire la presenza di eventuali patologie pulpari (iperemia attiva, iperimia passiva, sindrome radicolare della polpa etc) né radiologica con Rx endoali, né soprattutto una diagnosi ed una pianificazione terapeutica. Perché può fare male ora. Deve chiederlo a lui. Non so se sia stato fatto un sottofondo adeguato per spessore e materiale per isolare il tetto della camera pulpare dall'otturazione. Non so se questo tetto camerale sia integro o no. Non so se sia stata esposta la polpa accidentalmente e quindi se sia stato fatto un "incapsulamento diretto o indiretto della polpa stessa". Non so se si sarebbe dovuto procedere ad una terapia endodontica o no! Come posso risponderle? Non vuole devitalizzare un altro dente! Questo non lo può decidere Lei, ma solo il Dentista! Cari saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig.ra, innanzitutto è assolutamente indispensabile effettuare una anestesia locale per curare una carie specie se profonda come la sua proprio per evitare scatti improvvisi che possono creare anche lesioni della mucosa poichè si usano strumenti taglienti che debbono eliminare lo smalto che è un tessuto duro. Inoltre un poco di sensibilità può essere normale ma durare qualche giorno. Il fatto che la sensibilità persiste da tempo probabilmente significa che la situazione deve essere approfondita con una visita accurata, test di vitalità, radiografia endorale con centratore. Solo in questo modo si può verificare se c'è una compromissione della polpa dentale e decidere eventualmente per una devitalizzazione. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Signorina, Temo proprio che sia necessario devitalizzare anche questo dente. Ne parli però con il suo dentista magari potrebbero esserci altre soluzioni.

Scritto da Dott. Floriano Petrone
Torino (TO)
Collaboratore di Dentisti Italia

In linea generale, quando si trattano carie piuttosto profonde (come presuppongo sia stata la sua) evitando la devitalizzazione, un residuo di sensibilità per alcuni giorni (sopratutto alla masticazione, a volta anche agli stimoli termici caldo - freddo) è normale. Normale significa che deve tendere alla progressiva diminuzione, fino alla totale scomparsa, nell'arco di un paio di settimane. Non posso sapere quanto profonda fosse la carie, quanto vicino fosse il nervo (la camera pulpare) e se sia stato applicato o meno un sottofondo di cavità protettivo (tipo idrossido di calcio). Nel caso la sintmatologia persista, non può far altro che tornare dal suo dentista.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Sig.Winky, controlli se chi opera su di lei è iscritto all'ordine dei medici, se lo trova iscritto ritorni da questo professionista descrivendo la sintomatologia che non è normale.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Se le continua a fare male il dente è da devitalizzare, vada dal dentista e prosegua con una rx e la cura

Scritto da Dott. Domenico Ancona
Fasano (BR)

Cara signora, Concordo in pieno con quanto detto da tutti i miei colleghi, soprattutto per quanto riguarda l'anestesia e il controllo dell'appartenenza del professionista all'Ordine professionale. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Ignazio Russo
Roma (RM)

Purtroppo nel nostro paese c'è il fenomeno dell'abusivismo. Cioè l'esercizio della nobile professione di dentista da parte di loschi figuri, gente non laureata. E' colpa dei dentisti veri se questo esiste ancora... La prima cosa da fare, come dice il dr. Ruffoni, e gli altri Colleghi è verificare che si tratti di un dentista laureato: se non lo è, deve fare un esposto all'ordine dei medici locali. Se lo è l'unica cosa ragionevole è chiedere conto a lui.. La descrizione di ciò che è successo, non depone molto a favore pero'.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia