Domanda di Chirurgia

Risposte pubblicate: 6

Ho eseguito l'8 ottobre un intervento chirurgico di innesto di connettivo dal palato

Scritto da sara / Pubblicato il
Salve ho eseguito l'8 ottobre un intervento chirurgico di innesto di connettivo dal palato. La zona è quella dell'incisivo frontale dove ho un impianto. Sono ormai passati più di 10 giorni ed ormai dovrei notare dei miglioramenti nella zona " innestata", che però continua ad essere bianca. Il mio dentista mi ha detto che dobbiamo attendere e che forse sono io che guarisco più lentamente e devo solo avere pazienza. Io però sono molto preoccupata perchè questo intervento mi sta facendo soffrire molto, soprattutto in zona palatale e non vorrei che dopo tante tribolazioni la zona non guarisca come deve e mi ritrovo peggio di prima. Perciò chiedo un parere esterno che so può essere solo sommario ma mi può aiutare a capire quali sono i tempi di guarigione normali e possibili rischi di una mancata vascolarizzazione della zona. Saluti
Gentile Sig. Sara, i tempi di guarigione di un innesto di connettivo sono lunghi. Dieci giorni sono pochissimi per poter giudicare i risultati. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Innesto libero di gengiva con ancora una leggera presenza di epitelio biancastro necrotico al cambio del primo impacco chirurgico. Da casistica del Dr. Gustavo Petti Parodontologo di Cagliari
Cara Signora Sara, strano, dovrebbe avere un impacco chirurgico tipo Coepack a protezione dell'innesto! Connettivale poi allora deve aver fatto un lembo cosiddetto " a busta" in cui si inserisce il connettivo e il palato lo si sutura, nella zona del prelievo semplicemente ribaltando il lembetto di accesso al connettivo sottostante! L'impacco, ovviamente parlo per me e per chi fa un certo tipo di Parodontologia, è importante, perchè "difende" la zona dell'intervento dagli insulti dei traumi della masticazione, dai batteri, dal dolore, dal sanguinamento, dall'edema chirurgico etc. Poi c'è chi non lo usa! In ogni caso quella patina biancastra o bianco-grigiastra è solo l'epitelio di desquamazione che si necrotizza durante la normalissima guarigione. Non lo tocchi, faccia sciacqui con sostanze e farmaci appropriate che il Dentista deve averle prescritto, nel caso glielo chieda, preferisco non dire i nomi dei farmaci proprio perchè sono farmaci! Non si deve preoccupare perchè questa leggere necrosi superficiale dura, senza impacco, due settimane circa, più o meno. Con l'impacco, pochi giorni! Si rassereni non le sta capitando niente di non consueto in queste guarigioni! Se invece fosse stato fatto un Innesto di connettivo, dato che parla di zona innestata, su un letto ricevente di periostio denudato, allora il significato è lo stesso ma l'impacco è per me obbligatorio per avere una guarigione veloce ed ottimale ed è pericoloso non proteggere l'innesto perchè si potrebbe, muovendosi con gli stress che riceve, staccare e non attecchire o avere una contrazione chirurgica secondaria molto rilevante che potrebbe inficiare l'intervento stesso!Poi se l'innesto fosse non di connettivo ma "Libero di Gengiva aderente" prelevata dal palato che guarirebbe per seconda intenzione con protezioni chirurgiche adatte di fibrina e cerotti chirurgici tipo Carvadente, l'impacco è ancora più indispensabile, sempre secondo il mio giudizio ed abitudine chirurgica appresa dai miei maestri Statunitensi!. Ma queste sono "sottigliezze" da Parodontologo con 35 anni di esperienza!Lo faccia comunque vedere periodicamente dal suo Dentista perchè faccia una DDF con una necrosi vera e propria, visto che non c'è l'impacco, solo per prudenza ovviamente!Le lascio una foto di innesto libero di gengiva con ancora una leggera presenza di epitelio biancastro necrotico al cambio del primo impacco chirurgico, così vede che non è niente di grave!. Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Sara, lei è stata sicuramente informata di questi postumi, prima di sottoporsi a questo intervento chirurgico di tipo invasivo. Le guarigioni dei tessuti molli di norma sono veloci mentre quelli del tessuto osseo sono più lenti, ora noi non conosciamo quali tessuti hanno interessato l'intervento per poterle dar una corretta risposta.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Questi interventi sono fastidiosi e alle volte perfino dolorosi, la guarigione è lenta e sono operatore dipendenti, cioè "bisogna saperli fare". Fortunatamente se attecchisce bene il connettivo innestato po gli effetti sono buoni per un lungo periodo, sempre che vengano rispettati i controlli e le sedute di igiene. Dovrebbero essere concetti discussi nelle sedute prima dell' intervento. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Sono d'accordo con i colleghi: purtroppo questi sono i postumi di questo tipo di interventi. E' tutto normale. Tranne forse che lei non è stata informata del tutto completamente. Ma il risultato finale pagherà di tante faticose sofferenze, stia tranquilla.

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Bisognerebbe vedere se è stato fatto un innesto "connettivale" od "epitelio - connettivale" (questo rimane più bianco) e credo si tratti di questo secondo, dal momento che sente ancora dolore sul palato che rimane scoperto; e se, come penso, è stato fatto con lo scopo di coprire il confine tra corona e impianto. Il punto critico per l'attecchimento è sempre di fornirgli un "letto" vascolare piuttosto ampio. Comunque, se è stato fatto bene, il risultato dovrebbe essere buono, anche se inizialmente l'aspetto è brutto.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Gaetani
Lecce (LE)