Domanda di Chirurgia

Risposte pubblicate: 9

Rimozione cisti dentale

Scritto da ANGELA / Pubblicato il
Salve, nel 2005 avevo effettuato una panoramica e avevano riscontrato un piccolissimo granuloma nella mandibola inferiore sotto il 46 (era stato devitalizzato in precedenza) ma il dentista mi aveva assicurato che era una lesione cicatrizzata. A febbraio di quest'anno prima di effettuare un'estrazione ad un altro dente ho rifatto la panoramica e il piccolo granuloma e' diventato una cisti di 2cm circa. Un altro dentista mi ha detto che l'unico modo per eliminare la cisti mandibolare e' l'intervento in anestesia totale o semi cosciente. Prima pero' dovrà estrarmi il dente corrispondente e devitalizzare il premolare precedente perche l'apice e' stato intaccato dalla cisti. Prima di fare cio' mi ha consigliato di fare il dentalscan. La mia domanda e': e' necessario l'intervento chirurgico o si potrebbe risolvere con una terapia canalare o con qualsiasi altra terapia? dico cio' perche' ho il terrore dell'anestesia...e se si dove potrei effettuare il trattamento? il mio dentista ha detto che e' necessario effettuarlo in ospedale. Grazie per l'attenzione e spero in una risposta. Se necessario invio la panoramica.
Gentile Angela, le consiglio di consultare un collega endodontista. Sicuramente le darà tutte le risposte utili per non confonderla. Non è accettabile apprendere che per la presenza di un granuloma sia necessaria l'estrazione del dente. Ci sono diversi modi per conservare il dente in oggetto:il ritrattamento canalare oppure un piccolo intervento di chirurgia retrograda senza alcuna necessità di ricorrere alla anestesia generale ma soltanto con un poco di anestesia locale. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Osteolisi periapicale in dente con tanti altri gravi problemi parodontali e di sfondamento della camera pulpare. da Casistica clinica del Dr. Gustavo Petti e della Dr.ssa Claudia Petti di Cagliari
Cara signora Angela, ogni giorno c'è da imparare qualcosa, detto ironicamente: non esistono lesioni periapicali come granulomi o cisti che siano cicatrizzate. Queste lesioni o guariscono per riassorbimento e scompaiono o non guariscono e rimangono visibili. Poi ha un po' di confusione perchè un granuloma rimane un granuloma e non diventa una cisti. se è cisti, era già cisti. In ogni caso la terapia è la stessa perchè entrambi sono una risposta dell'organismo che cerca di contenere una infezione nel dente costruendo intorno all'apice una zona osteolitica cistica o granulomatosa. Se si cura l'infezione con una buona terapia canalare della radice e suo sigillo dell'apice, l'osteolisi non ha più motivo di esserci e si riassorbe perchè sono "morti" i microbi che mandavano fuori dall'apice le loro tossine. Per essere precisi ci sono delle cisti che non prendono forma da una infezione endodontica ma dalla presenza di residui epiteliali del Malassez, rete cellulare embrionale deputata alla formazione di cementoblasti che formano a loro volta le cellule del cemento della radice. Queste cellule delle Malassez prendono origine dalla guaina di Hertwig e stabilisce il limite inferiore dell'organo dello smalto e della futura corona del dente. Tra i due si forma la zona del colletto e da queste cellule possono prendere origine le cisti o più in senso lato le zone di osteolisi periapicale, ecco perchè la diagnosi si deve fare nel modo che le spiego qui sotto e la panoramica non serve a niente!Per fare DIAGNOSI si procede così:basta fare una visita clinica e percussioni trasversali ed assiali, una Rx endorale e prove termiche. Tutto qui.Poi ci sono le cisti non odontogene, che non nascono da una infezione della radice ma sono una patologia diversa. Ecco perchè la diagnosi deve essere clinica come descritto sopra. La terapia proposta di avulsione del dente o di chirurgia in anestesia totale o cosciente è assurda e sbagliata senza una precisa diagnosi. Come le ho detto basta devitalizzare il dente. Nei rari casi in cui non si avesse successo esiste la chirurgia retrograda, ossia si cura il canale del dente ragginugendolo dall'apice che poi viene sigillato con vari materiali! Cerchi un Dentista non dico bravo ma semplicemente normale perchè la patologia che ha è normale amministrazione e non ci vuole una "cima" di Dentista per curarla!cordialmente suo Gustavo Petti Gnatologo e Parodontologo, Implantologo e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Angela, la diagnosi radiologica di cisti andrebbe confermata, con una biopsia escissionale della lesione e relativo esame istopatologico. Molte cisti di origine odontogena sono trattabili in anestesia locale, ma non conoscendo il quadro clinico non è possibile stabilire l'anestesia più indicata.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Sigra Angela cerchi su internet sul sito della S.I.E. ( società italiana di endodonzia ) un dentista esperto di devitalizzazioni. Generalmente con un ritrattamento endodontico si può ottenere il riassorbimento della lesione se ciò non dovesse essere sufficiente si può procedere chirurgicamente andando ad amputare circa 4 mm di radice , facendo una otturazione all'interno del canale radicolare e ripulendo l'osso dal tessuto infetto. Tutto questo si esegue con una semplice anestesia locale ,non è assolutamente necessario l'anestesia generale.Per quanto riguarda i denti vicini ,se questi sono vivi non necessitano assolutamente di essere devitalizzati. Si rivolga ad un Endodontista esperto è vedrà che avrà buone possibilità di salvare il suo dente. Saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Piero Puppo
Imperia (IM)

Salve Angela, mi piacerebbe che mi inviasse la panoramica, perche' vista la sua giovane eta', ha bisogno di estrazioni dentarie cosi come ci racconta? lo trovo strano. dott. Antonio Peloso specialista in odontoiatria Sicilia, marsala

Scritto da Dott. Antonio Peloso
Marsala (TP)

Prima di estrarre un dente con un granuloma è d'obbligo ritrattare endodonticamente l'elemento,in caso di fallimento c'è l'endodonzia chirurgica...il tutto praticabile ambulatorialmente,ma nelle mani di un endodontista con esperienza!

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Angela, mi associo alla risposta del collega Peloso perchè sarebbe il minimo avere un'idea della sua situazione clinica prima di esprimere pareri. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gent. sig.ra Angela, nel mio studio abbiamo un' ottima esperienza di ritrattamenti canalari e di endodonzia chirurgica e le posso dire che non c'è quasi mai bisogno di ricovero ed anestesia generale per risolvere casi come il suo. Certo, è stata una leggerezza da parte di chi la aveva in cura sottovalutare il granuloma dicendo una cosa che non esiste, cioè che era una "lesione cicatrizzata". Come già i colleghi che mi hanno preceduto le dico che bisogna, innanzi tutto, tentare un buon ritrattamento canalare (per il quale di solito non è nemmeno necessaria l'anestesia locale)e aspettare di vedere l'esito con radiografie effettuate a distanza di tempo. Se la lesione non fosse scomparsa o ridotta dopo 6-8 mesi, passare alla chirurgia endodontica con rimozione della cisti, apicectomia ed otturazione retrograda degli apici. Se volesse inserire la sua panoramica, potrò essere molto più preciso riguardo al suo caso specifico. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Gaetani
Lecce (LE)

Cara Angela, ovvio che non deve fare l'intervento... le cisti odontogene si risolvono semplicemente ritrattando il dente perchè la causa della cisti sono i batteri presenti nel canale che, creando delle sostanze di scarto, attivano le cellule embrionali del malassez che provocano la formazione di cisti. se i batteri vengono eliminati tramite la terapia canalare e si blocca la comunicazione con i tessuti sottostanti, il dente la cisti si riassorbe fino a scomparire del tutto distinti saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Domenico Aiello
Catanzaro (CZ)