Domanda di Chirurgia

Risposte pubblicate: 12

Dovrei effettuare l'asportazione di un nevo

Scritto da daniela / Pubblicato il
Buongiorno, in questi giorni dovrei effettuare l'asportazione di un nevo. Non so quale sia la grandezza. In cosa consiste l'operazione?  conviene effettuarla anche nel caso il nevo è di piccole dimensioni? Grazie e cordiali saluti
Gentile Daniela, se si riferisce alla presenza di nevi in corrispondenza della mucosa orale le consiglio di toglierlo perché tali lesioni anche se di piccole dimensioni possono col tempo creare dei problemi. Sicuramente si tratterà di un piccolo intervento di asportazione in anestesia locale che non le darà conseguenze. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Signora Daniela, sicuramente intende la cura endocanalare (devitalizzazione) di un dente ed è una grande sciocchezza. Possibile che il suo Dentista non le abbia spiegato niente? Lui ha il dovere di spiegare e lei il diritto alla spiegazione, non solo per Professionalità, Gentilezza. Umanità ma anche per avere il consenso informato che lei deve firmare!In parole povere si tratta di dover curare le radici asportando la polpa (il cosiddetto nervo) che è costituita da tessuto che lega arteriole, venule, linfatici, rametti terminali del tessuto nervoso di innervazione e poi strumentare ossia alesare e raddrizzare le curve interne dei canali con strumenti che si chiamano lime (limano) ed alesatori (allargano). Il tutto è normale prassi terapeutica e sotto anestesia locale o tronculare non sente assolutamente niente! Quindi Tranquillissima. Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig.ra Daniela, non conoscendo nè la localizzazione, nè l'estensione ed i caratteri macro- e micro-scopici del nevo è impossibile dare una risposta. Si faccia spiegare il tutto dal chirurgo che dovrà intervenire. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Sig. Daniela, tutte le lesioni maculate del cavo orale dovrebbero essere accertate mediante biopsia per evitare errori di diagnosi differenziale. L'intervento avviene in anestesia locale, nella maggior parte dei casi appongono delle suture.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile signora, la sua domanda è molto vaga, impossibile darle consigli. Cosa intende per "nevo"? Una formazione cutanea, o muco-cutanea (pelle del viso o labbra), generalmente pigmentata (scura), forma tondeggiante, piatta o sporgente, molle o dura, marrone o blu-nerastra, sanguinante o no? Localizzazione? Se vuole maggiori ragguagli, ci dia più dettagli (strano che il suo dentista non le abbia dato spiegazioni precise)

Scritto da Dott. Fausto Fumi
Trieste (TS)

Gentile paziente, se effettivamente si tratta di un Nevo e non di un nervo, non abbia titubanze e lo faccia asportare eseguendo l'esame istologico del pezzo operatorio. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Giuseppe Murruni
Giussano (MB)

Gentile Daniela, la sua domanda risulta fonte di qualche incomprensione. Si riferisce ad un nevo cioè un piccola lesione cutanea o mucosa di colore scuro o ad un "nervo" parte interna di un dente che può essere dolente o non. Nel caso si tratti di una lesione cutanea o mucosa, non esiti a toglierlo se le è stato consigliato. Specie se nel tempo ha cambiato le sue dimensioni, contorni e colore. Cordialità:

Scritto da Dott. Michele Caruso
Treviso (TV)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Daniela l'intervento è abbastanza semplice con anestesia locale perilesionale e piccola recisione chirurgica seguita da punti. non si preoccupi una banalità

Scritto da Dott. Domenico Aiello
Catanzaro (CZ)

Gentile Daniela, lo specialista che l'ha visitata senz'altro le ha consigliato la cosa migliore...consiste in un'asportazione chirurgica seguita da sutura e successivo esame istologico.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Le lesioni pigmentate della bocca sono difficili da classificare se non mediante esame istologico. Sacrosanto quindi il comportamento del collega. L'intervento è leggero e di norma ben tollerato nella sua interezza. E' meglio togliere, analizzare e tranquillizzarsi, che non togliere e rimanere col dubbio. Si fidi. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia