Domanda di Chirurgia

Risposte pubblicate: 13

I denti 26 e 27 hanno ambedue un granuloma apicale

Scritto da Barbara / Pubblicato il
Buongiorno mi è sopraggiunto questo problema: i denti 26 e 27 hanno ambedue un granuloma apicale rifatta la terapia canalare e aspettato 6 mesi nulla è cambiato anche perchè il 26 non sono riusciti a sondare fino in fondo al canale perchè si era chiuso naturalmente e quindi è stato impossibile arrivare fino al lapice. Ovviamente ad oggi cè questa situazione da risolvere. Mi è stato proposto di togliere ambe due i denti e io ho fatto richiesta di fare la chirurgia retrograda che mi ha spiegato cosa consiste però poi con la possibilità di unire i due denti trattati perchè rimarrebbero zoppi togliendo una parte di radice. Sono molto confusa e non so cosa sia meglio per me. Se patire male per l'estrazione e poi l'impianto o fare questa retrograda quale delle due sono più durature? Grazie
Gentile Barbara, è difficile dare una risposta esauriente non avendo alcun elemento a disposizione. Sicuramente eviterei di estrarre i due denti e valuterei la possibilità di ricorrere alla chirurgia retrograda per conservarli e successivamente ricoprirli con corone in ceramica. Inoltre a seguito di chirurgia retrograda il dente funziona normalmente e non ha alcuna possibilità di rimanere"zoppo". Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Barbara, darle un consiglio senza avere delle radiografie su cui fondare la propria risposta è difficile. In linea generale le strade percorribili sono due: una conservativa, con un ritrattamento dei denti in causa, eventualmente per via retrograda, tramite una apicectomia o una rizectomia(si toglie la radice in causa)l'altra chirurgica, con l'avulsione dei denti interessati dalla patologia. La scelta è data dall'estensione del processo infiammatorio, dalla forma delle radici, dalla qualità di corona residua nonchè dal quantitativo di osso disponibile per una eventuale terapia implantare. Si rivolga ad un profesionista che certamente saprà scegliere la terapia più appropriata al suo caso. Cordialmente dott. D. Cianci.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Dario Cianci
Milano (MI)

Parte finale di una retrograda. Da casistica del Dr. Gustavo Petti
Cara Signora Barbara...se si può fare la chirurgia retrograda, questa è la soluzione. I denti non rimangono "zoppi" perchè non si fa più l'apicectomia, da oltre 30 anni, anche se c'è chi la continua a fare imperterrito......la retrograda consiste nel raggiungere gli apici per via chirurgica e aprirli con una fessura piccolissima e sigillarli con materiale adatto: MTA o Amalgama d'Argento Chirurgica! .......Deve sapere che i microbi presenti nella radice inviano fuori nell'osso le loro tossine a cui l'organismo risponde con la formazione cistica o granulomatosa per arginare l'infezione stessa e difendersi, e i corpi dei leucociti macrofagi che arrivano in massa, formano il pus e quindi l'ascesso ....tolti i microbi con la nuova terapia endodontica per via ortograda (normale ) o retrograda (chirurgica) le tossine non vengono più emesse e la zona di osteolisi (lisi dell'osso) scompare con rigenerazione dell'osso stesso, perchè l'organismo non ha più bisogno di difendersi!...........:...... piuttosto il problema in un 26 o in un 27 è il rapporto delle radici col pavimento del seno mascellare che potrebbe rendere molto indaginoso o addirittura pericoloso l'intervento chirurgico per il rischio di aprire il pavimento del seno mascellare...certo lo si può richiudere con una plastica immediata...ma bisogna saperla fare! La controindicazione reale eventualmente potrebbe essere questa! .............................. Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

La strada della soluzione conservativa, se percorribile con attendibili margini risolutivi,è sempre quella da scegliere. Alla pinza ricorrerei come ultimissima spiaggia!

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Il problema primario è se sia o meno già stato fatto tutto il possibile per risolvere in modo non chirurgico la sua situazione, non è possibile per noi valutarlo, ma solo un'eperto endodontista può saperlo, uno specialista esclusivista .A Bologna ce ne sono di molto bravi .Ne trova qui alcuni ,non tutti.http://www.endodonzia.it/odontoiatri/cartina.asp  Cordiali saluti

Scritto da Dott. Orazio Ischia
Lipari (ME)
Consulente di Dentisti Italia

Signora Barbara, non tutti i ritrattamenti canalari vanno a buon fine e sicuramente lei era stata informata prima delle cure. Anche con la chirurgia retrograda ci potrebbe essere qualche complicanza. Probabilmente con le nostre risposte sarà ancora più confusa. Le consiglio di seguire i consigli del suo odontoiatra, l'importante che chi opera su di lei sia iscritto all'ordine dei medici, perché solo questo professionista potrà essere il responsabile delle cure prestate.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

La chiusura per via retrograda non rende i denti zoppi ed è risolutiva della patologia, senza dover togliere nessun dente, ma limiti anatomici ( per esempio radici che pescano nel seno mascellare) la possono rendere di non facile esecuzione. Se il canale fosse ostruito ad un certo livello, l'unico rischio che corre è quello di un riassorbimento interno che distruggerebbe la radice con un processo carioso non trattabile. Ma senza una visione di una rx queste rimangono pure congetture accademiche. Consulti un altro specialista o ci invii lastre degli elementi in questione. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Bruno Cirotti
Roma (RM)

Gentile signora la scelta tra le due terapie a lei proposte non e' assolutamente semplice, certamente sarebbe preferibile conservare i propri elementi dentari e quindi optare per il trattamento endodontico per via chirurgica , senza pero' tralasciare un'attenta valutazione dello stato parodontale nonche' della quota di struttura dentale residua che se dessero dubbi prognostici in tal senso farebbero propendere per la terapia implanto-protesica. Cordialita' .

Scritto da Dott. Francesco Sforza
Carovigno (BR)

Gentile signora Barbara, è difficile fare una valutazione a distanza, troppe sono le variabili in gioco. Di certo cercherei di fare tutto il possibile per salvare i due denti. Tenga presente che però non tutte le chiusure retrograde vanno a buon fine, essendoci anche un buon 15 % di recidive anche a distanza di tempo. L'intervento consentirebbe però di ripulire manualmente la zona del periapice assicurando le migliori chances di guarigione. Se il suo curante è avvezzo a tali trattamenti si fidi di lui. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentile sig.ra Barbara non posso che dirmi daccordo con i colleghi e suggerirLe l'otturazione retrograda. Buona vita

Scritto da Dott. Silvano Siniscalchi
Castelfidardo (AN)