Domanda di Chirurgia

Risposte pubblicate: 8

Ho subito ieri un intervento di apicectomia.

Scritto da Alessia / Pubblicato il
Ho subito ieri un intervento di apicectomia. La mia domanda può sembrare sciocca, ma vorrei cercare di non sbagliare i gesti quotidiani per non correre rischi ulteriori. Mi chiedevo se posso lavare normalmente i denti (il mio dentista ha detto di non fare sciacqui...quindi come lavare?), se posso masticare (al di là ovviamente del dolore), se è preferibile usare un colluttorio (che non mi è stato prescritto). Al momento sono molto gonfia, non riesco a muovere la bocca, ma il dolore è ancora sopportabile (forse dura ancora l'effetto dell'antidolorifico che mi è stato fatto?). Spero di leggere i vostri consigli al più presto. Grazie.
Fase chirurgica di una retrograda che ha soppiantato la apicectomia da decenni
Cara Signora Alessia...no... lei non può chiedere a noi cosa deve fare come "gesti quotidiani"...è "ridicolo"...sono cose che le DEVE aver spiegato il suo Dentista e che se non avesse fatto ...Lei avrebbe dovuto chiedere a lui...LE POSSO SOLO DIRE che salvo eccezioni...l'APICECTOMIA è un intervento che non si fa più da 30 anni...da oltre 30 anni si fa la retrograda con sigillatura dell'apice...questo è un argomento medico su cui posso parlare ...non certo dare le istruzioni in vece di un altro collega...ma stiamo veramente scherzando ...ed ecco riguardo all'apicectomia...se apicectomia era:le lascio una foto di una parte dell'intervento di retrograda e le spiego cosa sia....precisando che con un trattamento canalare fatto a regola d'arte si sarebbe dovuta risolvere la patologia...ma a volte ci sono impedimenti insormontabili...ecco che si fa allora la retrograda, ossia si cura il dente per via chirurgica dall'apice a ritroso:si scolpisce un lembo di accesso all'osso...si perfora...l'osso...a livello degli apici delle radici...e si curano le radici entrando in esse dall'apice...per via retrograda ...poi si sigilla l'apice agli apici con MTA o con Amalgama d'argento chirurgica priva di zinco...le tossine batteriche non possono più raggiungere il periapice e tutta l'osteolisi si riassorbe...SENZA APICECTOMIA...anzi facendo l'apicectomia senza sigillare l'apice (cosa che anche volendo non si riesce a fare a regola d'arte facendo una apicectomia)...non potrebbe guarire...se non solo temporaneamente per qualche mese o anno e poi nuovamente inizierebbe tutto perchè l'apice non è sigillato...CHIARO?..............Concettualmente i microbi presenti nella radice inviano fuori nell'osso le loro tossine a cui l'organismo risponde con la formazione cistica o granulomatosa per arginare l'infezione stessa e difendersi ... tolti i microbi con la nuova terapia endodontica per via ortograda (normale ) o retrograda con sigillatura dell'apice (chirurgica) le tossine non vengono più emesse e la zona di osteolisi (lisi dell'osso) scompare con rigenerazione dell'osso stesso.........................................Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Alessia le sue domande un pò mi stupiscono perchè non dovrebbe essere così che viene gestito un paziente chirurgico, in linea di massima sarebbe stato opportuno consegnarle un foglio scritto di istruzioni post operatorie e comportamentali, oltre naturalmente alle prescrizioni del caso. Comunque fermo restando che una dimenticanza non rende necessariamente il suo medico un superficiale, allora le dirò che è opportuno applicare impacchi freddi per le prime 48 ore, assumere farmaci antinfiammatori di provata innocuità per lei, pulire con delicatezza il dente interessato mediante un leggero movimento dello spazzolino senza toccare la gengiva che, dovrà essere protetta da un collutorio antiplacca senza alcool, meglio alla clorexidina. L'antibiotico sarebbe meglio assumerlo e quindi contatti il suo medico per le prescrizioni. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Orazio Ischia
Lipari (ME)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Alessia, dovrebbe richiamare il suo odontoiatra per le informazioni del caso.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile Signora, il Dentista che l'ha operata le ha raccomandato di non fare sciacqui, quindi va da se' che non deve utilizzare collutori. La cosa mi sembra un po' strana, ma questo è stato l'ordine di chi ha operato e sa lui le sue ragioni! Deve comunque tenere pulita la zona della gengiva dove è stato scolpito il lembo d'accesso e deve tenere puliti i punti di sutura. Per far ciò mi permetto di consigliarle di usare un batuffolo di ovatta bagnata con un colluttorio disinfettante (a base di clorexidina), e di pulire con uno spazzolino morbido o medio i denti vicini alla zona dell'intervento. Dopo pulito, applichi un gel disinfettante (sempre a base di clorexidina: il farmacista sa cos'è!). Non mastichi col dente apicectomizzato e non assuma cibi o liquidi caldi che possono andare sulla ferita. Adesso è sera e lamenta gonfiore, rischia di svegliarsi domattina col viso molto gonfio: applichi del ghiaccio sintetico (pure si compra in farmacia) ed prenda dopo cena un antinfiammatorio con effetto antiedemigeno. Prima di coricarsi prenda anche un antibiotico da ripetere ogni dodici ore per quattro giorni (chieda al farmacista un antibiotico a base di amoxicillina ed acido clavulanico). Entro questi quattro giorni torni dal suo Dentista per una visita di controllo. Le porgo cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Angelo De Fazio
Casalnuovo di Napoli (NA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile paziente, l'apicectomia rientra nel quadro di un vero e proprio intervento chirurgico odontoiatrico che prevede un protocollo terapeutico ben codificato. Pertanto, mi sorprende come mai l'operatore che ha effettuato l'intervento non Le abbia dato un foglio con la prescrizione terapeutica e suggerimenti scritti al termine dello stesso. Le consiglio di contattare al più presto il collega odontoiatra a cui ha affidato la cura dei suoi denti. Cordialmente

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Salve Alessia, le manovre post chirurgiche sono più o meno le stesse per ogni tipo di intervento.. le cui regole sono state magistralmente citate dal dott. Ischia.... cordialmente, Gianluigi Renda

Scritto da Dott. Gianluigi Renda
Castrovillari (CS)

Spett. Sig. Alessia, in merito al fatto di non sciacquare la bocca questo Le è stato consigliato per mantenere integro il coagulo che si forma dopo un intervento di chirurgia. Per ciò che concerne i normali gesti quotidiani deve certo spazzolare i denti prestando attenzione alla zona interessata dalla ferita, deve utilizzare un colluttorio con clorexidina per controllare la carica batterica, ed inoltre è consigliabile assumere degli antibiotici- Le auguro una rapida guarigione. Dr. A. Ruggirello
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Antonino Ruggirello
Palermo (PA)

Gentile Signora, concordo con il Dr. Ruffoni, chi meglio del suo Odontoiatra che ha eseguito l'intervento le può fornire le istruzione del caso?????????? Buona Guarigione

Scritto da Dott. Giancarlo Dettori
Sassari (SS)