Domanda di Chirurgia

Risposte pubblicate: 7

Mi è stata riscontrata una cisti radicolare sotto un molare il 27

Scritto da umberto / Pubblicato il
Buongiorno, mi è stata riscontrata una cisti radicolare sotto un molare il 27, mi sono accorto del problema dopo visita otorino per sospetta sinusite odontogena, go fatto dentascan e li si è visto il problema. Il dente è già devitalizzata e incapsulato e il dentista mi ha detto dopo lastra RX endorale che la vecchia terapia canalare era stata fatta male e mi ha consigliato di ritrattare il dente come con microscopio. Il mio dubbio e se la ciste si potrebbe anche riassorbire, mi chiedo se sia possibile che la lesione possa andare via, e non sia più corretto togliere cisti con estrazione del dente. Sono sfiduciato dal fatto che la vecchia terapia sia fallita e che adesso rifarla non mi possa risolvere il problema. Attendo un vostro parere
Gentile Umberto le indagini da lei inviate non sono di molto aiuto essendo sfuocate ed insufficienti per un parere corretto. Le radiografie vanno visionate nella loro totalità e non parzialmente ed inoltre debbono essere integrate da una accurata visita medica.Se il suo racconto è corretto e cioè che la cisti è di origine odontogena e riconducibile ad una terapia canalare incongrua l'eventuale ritrattamento è in grado di risolvere il problema ma è necessario porre molta attenzione ed effettuare una giusta diagnosi senza la quale non c'è terapia efficace. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Caro Signor Umberto, ha Ragione pienamente il Suo Dentista! Concettualmente i microbi presenti nella radice inviano fuori nell'osso le loro tossine a cui l'organismo risponde con la formazione cistica o granulomatosa per arginare l'infezione stessa e difendersi, e i corpi dei leucociti macrofagi che arrivano in massa, formano il pus. Tolti i microbi con la terapia endodontica per via ortograda (normale ) o retrograda, se fossero presenti ostacoli insormontabili come perni non rimovibili etc (chirurgica) le tossine non vengono più emesse e la zona di osteolisi (lisi dell'osso) scompare con rigenerazione dell'osso stesso. Però, attenzione, potrebbe anche non essere dovuta ad una Necrosi Ossea ma osteolisi periapicale, sappia che non sono solo batteriche ma possono anche non avere origine solo da una necrosi endodontica, ma hanno origine, parlo di cisti, anche dai residui epiteliali del Malassez, rete cellulare embrionale deputata alla formazione di cementoblasti che formano a loro volta le cellule del cemento della radice. Queste cellule dette del Malassez prendono origine dalla guaina di Hertwig e stabilisce il limite inferiore dell'organo dello smalto e della futura corona del dente, tra i due si forma la zona del colletto. Da queste cellule possono prendere origine le cisti o più in senso lato le zone di osteolisi periapicale. Come vede, la Visita Odontoiatrica deve essere Accurata e impegna Dentista e Paziente per tanto tempo! Non basta un'occhiata e via! Non Bisogna valutare solo il Dente in questione ma analizzare tutto l'apparato Stomatognatico, Gnatologicamente, Parodontalmente, Conservativamente, Funzionalmente, Esteticamente. Tutto questo, senza estrapolare la "bocca" dal contesto dell'Organismo intero in cui si trova che va valutato quindi insieme alla "bocca", Clinicamente, Anamnesticamente, Semeiologicamente per fare Diagnosi Differenziali che Nascono Solo dalla conoscenza delle varie patologie ed emettere infine un sospetto Diagnostico che diventa poi Diagnosi Certa con "Ragionamento Clinico e Strumentale e eventualmente analitico ematologico". Si emette così una Prognosi ed infine la Terapia ed ho detto "La", non "Una" Terapia che sceglie il Dentista e solo il Dentista! Una visita Odontoiatrica è un atto medico importante e colto che richiede almeno un'oretta oltre un'altra mezzoretta per informare il paziente (consenso informato). Una Visita Odontoiatrica è la massima espressione Culturale e di conoscenza Medico-Odontoiatrica e, se fatta come si deve , impegna il Cervello del Dentista per un'ora circa più una mezzora per le informazioni doverose di "consenso informato"! Legga come faccio io una Visita leggendo sul mio Profilo "VISITA PARODONTALE", ma vale come visita Odontoiatrica generale, perché la visita che si fa nel mio studio, a prescindere dal motivo per cui è venuto il paziente, è questa! E stia certa che tutte le patologie "saltano fuori"! Spero che sia stata fatta una Diagnosi Differenziale tra Cisti Odontogene e Cisti non Odontogene, in ogni caso! Poi, tra le cisti non Odontogene bisogna fare una Diagnosi di Cisti o di Tumore, non si allarmi, di Tumore in senso Latino di "Tumor" ossia un "qualcosa che aumenta di volume", anche una Cisti, in questo caso è un "Tumor"! In questo secondo caso si dovrebbe procedere ad un Prelievo Bioptico per avere una Diagnosi Istopatologica Sicura! Solo nel Secondo caso farei escissione Chirurgica con molta attenzione al Pavimento del Seno mascellare e , personalmente, ricostruendo la cavità con osso artificiale riassorbibile tipo solfato di calcio e chiusura della "breccia ossea con membrana riassorbibile previa emostasi e stimolazione del coagulo ematico con Fibrina artificiale! Nel primo caso, che sembrerebbe il Suo, procederei solo Endodonticamente come le ho spiegato all'inizio :) In conclusione, Fiducia e Stima nel suo Dentista sono fondamentali anche se Lei Gli ha usato una "scorrettezza" nel cercare altrove, e nel Web, altre risposte o conferme! Spero di essere stato Chiaro. Veda, mi permetto di sottolineare questo, e mi scuso con Lei, anche se, ripeto, La ringrazio per la Fiducia e per la Stima per Noi ma mi scusi sa, ma proprio non ci siamo! Se venissi ma io a sapere che un mio paziente facesse o avesse fatto questo che fa Lei, lo rifiuterei come paziente! E' scorretto e profondamente sbagliato quello che sta facendo; si ravveda, mi permetto di dirle, mi dispiace vedere che sempre più, accadono queste cose inammissibili! Ne parli col Suo Dentista ed abbia più Stima e Fiducia di Lui! è sconcertante che Lei parli di estrazione del Dente non rendendosi conto che subirebbe una "mutilazione" ! I denti si Curano e non si estraggono! Per la Diagnosi sarebbe bastata una Rx endorale. Non era il caso di fare una Tac! Ha assorbita tante Radiazioni ed ha Gravato sui Costi Della Sanità a discapito di tutti noi e di se stesso! Cari Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Umberto, le risposte ai suoi dubbi non le dobbiamo dare noi che non conosciamo il caso, ma le deve dare il suo odontoiatra, basta chiedere quali sono le possibili complicanze e le percentuali di successo che ci possono essere nel suo caso.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile paziente, certezze non se ne possono avere, probabilità di successo o fallimento sono pubblicate in letteratura. Abbia fiducia nel suo dentista. la terapia di elezione nel suo caso è il ritrattamento canalare. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Maurizio Macrì
Napoli (NA)

Gentile Sig. Umberto, la terapia corretta nel suo caso è il ritrattamento. Togliendo la causa che ha provocato la cisti, questa si risolve spontaneamente. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Prima di estrarre il dente, perchè non tentare la strada del ritrattamento endodontico proposta dal collega? Nella peggiore delle ipotesi, l'elemento dentario potrà essere rimosso in un secondo momento, ma almeno la procedura seguita è stata corretta e conservativa. Le chances di recupero sono discrete, non consideri l'estensione della lesione che è scarsamente rilevante a fini diagnostici e prognostici, e il ritrattamento canalare ortogrado è sicuramente meno invasivo di quello retrogrado (data la zona anatomica).
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Perché perdere il dente e non provare a conservarlo? Se le cose stanno come le ha detto il suo dentista tutto si risolve. Certo nessuno può dare una garanzia assoluta ma le percentuali di successo sono elevate in questi casi. Viceversa rimpiazzare quel dente se estratto non è facile proprio per niente e le possibilità di fallimento al fine della sostituzione di questo dente sono molto ma molto superiori

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia