Domanda di Chirurgia

Risposte pubblicate: 6

I margini gengivali o festonature possono essere modificati nuovamente?

Scritto da Alessandro / Pubblicato il
Salve, Avevo scritto qualche tempo fa una domanda circa l'intervento di gengivoplastica a cui mi ero sottoposto...a due mesi dell'intervento e della completa guarigione a detta anche del mio dentista noto che purtroppo le festonature gengivali non sono armoniche, mi ero sottoposto a questo intervento per il cosiddetto " gummy smile " ma anche per ridefinire le stesse festonature gengivali in quanto spigolose. Adesso dopo l'intervento se è pur vero che la gengiva in eccesso è stata tolta apportando benefici estetici è anche vero che non sono soddisfatto dei margini gengivali in quanto sembra che siano stati lasciati pezzi di tessuto che cicatrizzandosi hanno creato delle sorte di " bolle " non saprei come definirle o tessuto in eccesso. Il medico dice che è tutto apposto ma per quanto mi riguarda non sono soddisfatto perché ovviamente mi sono sottoposto a questo intervento per trarne dei benefici, benefici che come dicevo ho riscontrato solamente parzialmente. Volevo chiedervi pertanto se i margini gengivali o festonature possono essere modificati nuovamente nel modo meno invasivo possibile ed eventualmente togliere questi residui di tessuto per rendere liscia tutta la superficie della gengiva. Grazie!
Sig. Alessandro, il gummy smile non è una patologia, ma uno stato fisiologico, oggi per motivi prettamente estetici alcuni colleghi cercano di migliorare il caso con interventi parodontali, ma spesso non trovano poi i pazienti soddisfatti. Non conosciamo il suo caso clinico e se un medico le dice che è tutto apposto probabilmente c'è ancor ben poco da fare, se vuole può inviarci una foto.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gengivectomia gengivolplastica e raffinatezza di forme per ritrovare la funzione come spiegato nel testo. Da casistica del Dr. Gustavo Petti, Parodontologo di Cagliari
Caro Signor Alessandro, buongiorno. Per risponderle bisognerebbe visitarla, ovviamente. In linea di massima, però, le posso rispondere che "qualsiasi misfatto" sia avvenuto ed abbia sconvolto le forme della gengiva, la armonia delle forme, la festonatura, le piramidi che formano le papille interdentali e i canali scarico che corrispondono alle docce verticali ossee di scarico, si possono rimodellare. Evidentemente , da quanto si evince dalla sua descrizione, durante la Gengivectomia-gengivoplastica non è stato realizzato il "raccordo" tra la ferita cruentata della gengiva e la gengiva aderente circostante né le docce verticali di scarico in corrispondenza delle papille interdentali interprossimali. Raccordo che serve proprio per avere una corretta guarigione ed armonia di forme in questo punto delicatissimo. Fare una Gengivectomia estetica non è un intervento che si inventi ma bisogna essere padroni delle raffinate tecniche chirurgiche Parodontali Mucogengivali! "Raffinatezza e delicatezza di intervento" che lo si ha solo in mani "padrone assolute delle tecniche chirurgiche operative Parodontali", mani che ha solo un Parodontologo Esperto e Capace! Si faccia visitare da un Bravo Parodontologo e vedrà che , sempre nei limiti del "possibile", tutto "si aggiusterà"! Le lascio un Poster da me fatto di una Gengivectomia Totale. Guardi con attenzione la terza foto della prima riga in alto, che mostra una ipertrofia notevole con alterazione delle forme e disarmonia delle stesse ed il bisturi di Goldman che sta incidendo. Poi porti la sua attenzione sulla seconda foto (centrale) della terza ed ultima riga. Noti il recupero della festonatura, del raccordo di cui parlavo, e al centro, della papilla interdentale che "riempie" tutto" lo spazio interprossimale dei denti e noti al suo centro, in particolare tra l'incisivo centrale con l'angolo fratturato e quello laterale, una doccia verticale. Questa doccia corrisponde ad un'altra doccia che è posta sul tavolato osseo sottostante, da madre natura, per costituire un canale di scarico per favorire l'allontanamento del bolo alimentare da una zona gengivale così delicata e preziosa. La doccia è stata ricreata chirurgicamente in sede di Gengivectomia-gengivoplastica con pinzette da gengivoplastica apposite. Con questo intendo dire "raffinatezza chirurgica"! Spero che le sia chiaro perché oltre che la funzione è salvaguardata e ritrovata l'estetica per il semplice fatto che forma e funzione si fondono e se si realizza l'una, si trova l'altra e viceversa! :) Cari saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

In linea di massima non dovrebbe esserci alcun problema a re-intervenire e correggere l'estetica dei suoi tessuti molli gengivali. Ovviamente tenga conto che la chirurgia mucogengivale, soprattutto nei settori estetici non é sempre altamente predicibile.

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig. Alessandro, la terapia di un gummy smile non è una gengivoplastica. A due mesi da un intervento le gengive non sono guarite ma vanno ancora incontro a rimaneggiamenti. Una gengivoplastica si può sempre ripetere, personalmente però aspetterei ancora del tempo. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Il suo problema è solo estetico, come sembra di capire. Dopo due mesi si ha la così detta guarigione, ma manca ancora la così detta maturazione. Dopo la conferma della maturazione, un giretto di laser senza anestesia potrebbe renderla felice. Per lei ci vuole molto poco. Buona fortuna!

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Un piccolo intervento di "gengivoplastica" è possibile; si possono usare anche strumenti come laser, elettrobisturi o frese diamantate per dei piccoli ritocchi.

Scritto da Dott. Paolo Gaetani
Lecce (LE)