Domanda di Bite

Risposte pubblicate: 5

Sono una ragazza di 23 anni e da 3 anni porto il bite perchè avevo dei problemi alla mandibola

Scritto da veronica / Pubblicato il
Salve, sono una ragazza di 23 anni e da 3 anni porto il bite perchè avevo dei problemi alla mandibola mi schioccava in continuazione, non riuscivo ad aprire bene la bocca etc..(non mi ricordo bene cosa mi avevano diagniosticato e non ho i fogli a portata di mano) comunque le cose durante questo periodo sono migliorate. Una volta al mese andavo alla visita per ribasare il bite, ma ultimamente sono stata un bel po' senza tornare, infatti ho riniziato a sentire un po' di fastidio e qualche dolore (non come prima). Così sono andata dal mio dentista (anche se ero seguita da uno gnatologo prima) per vedere di ribasare il bite; insomma praticamente era tutto consumato e mi ha detto che dovevo rifarlo nuovo. Naturalmente ho preso subito le impronte e adesso sto aspettando quello nuovo. La mia domanda è se durante questo periodo devo continuare a portare il bite vecchio o smettere di portarlo??? Quando lo chiesi al mio dentista la prima volta mi disse di continuare a portarlo, la visita seguente invece mi disse di interrompere. Io adesso non so proprio cosa devo fare! Anche se il mio bite è consumato quando la sera lo metto sento un grande sollievo però non vorrei compromettere qualcosa visto che ormai è "sbilanciato" .Se mi potete aiutare sarei tanto felice e sollevata! Attendo una vostra risposta! Grazie Veronica
Arco facciale di trasferimento...fase di progettazione di un Bite serio
Cara signora Veronica...deve credere ad uno Gnatologo che è un Dentista che si occupa di questi problemi di malocclusione statica e dinamica e di tutti gli apparati coinvolti, come le Articolazioni Temporo Mandibolari, il sistema neuro muscolare che governa tutto l'apparato stomatognatico, il parodonto, i denti intesi come unità dentale non avulsa dagli altri organi del più generale organo bocca e i suoi rapporti con la postura! ... quello che non capisco è il suo esordio..."La mia domanda è se durante questo periodo devo continuare a portare il bite vecchio o smettere di portarlo??? " = come può pretendere che possa rispondere non conoscendola clinicamente? e non conoscendo lo stato d'usura ed il perchè del suo Bite?...guardi che il Bite è una cosa seria...e deve essere fatto...se deve essere fatto...solo dopo una accurata diagnosi...ed esistono bite sintomatici e diagnostici cui poi deve seguire una terapia riabilitativa gnatologica completa se no il problema rimane!!!...La GNATOLOGIA: essa studia la "complessità dei problemi che stanno dietro la semplice parola "malocclusione"... Tante cause possono provocare spostamenti degli altri denti, quindi precontatti nelle varie disclusioni delle arcate con conseguenti traumi d’occlusione ed una "malocclusione" ossia ha denti in trauma d’occlusione...(tutte situazioni che possono, deviando la colonna vertebrale, alterare la Postura!!!): aggiungo solo che i fattori che determinano la Postura di una persona sia statica che dinamica e quindi anche nella corsa sono diversi: l'apparato Cocleare dell'Orecchio...(che determina la capacità di stare in equilibrio...ovviamente in relazione coi rispettivi centri cerebrali . Il sintomo è la vertigine e il senso di caduta ..L’ACUFENE), gli occhi e il loro movimento e i rispettivi centri cerebrali, l'apparato stomatognatico in senso lato (Occlusione ...ossia il modo di chiusura della bocca e dei rapporti statici e dinamici dei denti fra di loro e tra quelli dell'arcata opposta. le Articolazione Temporo Mandibolari e tutto il sistema neuro muscolare che "comanda" queste strutture)...Oltre la Gnatologia di pertinenza del Dentista Gnatologo ma anche dell'Ortodonzista, ci sono sistemi sofisticati per lo studio della postura: La Chinesiologia, la Pedana Baropodometrica dinamica computerizzata (che studia il carico della pianta dei piedi statico e dinamico), il Posturometro per determinare se c'è una asimmetria tra le due metà del dorso. Tutto questo fanno gli studiosi della Postura tra cui gli Gnatologi, gli ortodontisti, gli Ortopedici, gli Ortopedici del Rachide ... Una visita osteopatica e fisiatrica alla muscolatura del bacino in particolare del M.Psoas sarebbe molto utile..perché è uno dei primi muscoli a "saltare" in una patologia lombosacrale in cui sia coinvolta la postura sia che essa sia discendente ossia a partenza da una malocclusione sia che essa sia ascendente ossia a partenza dagli arti inferiori, appoggio della pianta dei piedi, anche o colonna lombo sacrale. ha Bisogno di UN ECCELLENTE GNATOLOGO e di un altrettanto ECCELLENTE Posturologo che sia anche osteopata e fisiatra e collabori con lo Gnatologo ( Questo le dico perchè è mia prassi fare così in Gnatologia!!!) Le ho spiegato perchè...non entro nel merito delle terapie delle singole tre specialità...perchè senza averla visitata non è possibile ...infine ci sono terapie ... di riabilitazione neuro muscolo-occlusale. Il trattamento delle disfunzioni masticatorie sia come concetto statico che soprattutto dinamico necessita un approccio diagnostico differente nelle varie patologie che ne possono essere causa! Il discorso è molto "sottile" sfuma nella filosofia delle disfunzioni neuro muscolari , occlusali e della Articolazione Temporo Mandibolare e non lo si può spiegare in due parole tra l’altro consigliandola su cosa sia meglio senza averla visitata clinicamente studiandone il caso di persona. Sappia che in ogni caso... il Bite Plane deve essere ben realizzato da persona competente ... sembra una "sciocchezza" ma non lo è...anzitutto è buona regola posizionarlo sulla arcata superiore che è l'unica arcata FISSA perchè solidale con la base cranica...poi devono essere studiati i piani inclinati in gradi rispetto al piano occlusale e deve essere valutato lo spessore con cui farlo ...ossia di quanto deve impedire la chiusura della arcata inferiore...è la mandibola che deve in continuazione cercare una chiusura che non può trovare col bite...così si riposa tutto il complesso sistema neuro muscolare e le articolazioni temporo mandibolari... il cervello...per così dire...in questo modo dimentica la posizione errata patologica memoriata da esso e si può trovare anche così...la nuova posizione della mandibola...quella "buona"..."corretta"...il bite infatti può essere terapeutico sintomatico...e diagnostico...una volta trovata la nuova posizione della mandibola si eseguono dei rilievi clinici che permettono di impostare una terapia !!! MI occupo di Gnatologia oltre che di Parodontologia da oltre 32 anni...mi creda occorre che si rivolga ad un Dentista Gnatologo molto esperto! Solo se è fattibile può servire un bite per una terapia unicamente sintomatica e/o diagnostica .per dirle qualcosa di certo ossia fare una DIAGNOSI e PROGRAMMARE UNA TERAPIA bisognerebbe vederla Clinicamente questo lunghissimo discorso che spero non l’abbia tediata è per spiegarle e farle capire che le patologie dell’apparato stomatognatico (La BOCCA NEL SUO INTERO) sono complesse e richiedono CULTURA, INTELLIGENZA E CAPACITA' CLINICA OLTRE CHE TERAPEUTICA!!! cordialmente suo Gustavo Petti Gnatologia e Parodontologia e Riabilitazioni Orali Complete in Casi Clinici Complessi in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Veronica, dovrebbe richiamare il proprio curante e farsi spiegare bene come deve comportarsi, visti i benefici da lei riscontrati.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile signora Veronica la risposta migliore che le si può dare è quella di affidarsi al suo gnatologo e di seguire le sue indicazioni, altrimenti succede ciò che già in realà le sta capitando cioè il dubbio: "non so più cosa devo fare". Si affidi con serenità alle cure del suo gnatologo. Cordiali saluti Pio Attanasi.

Scritto da Dott. Pio Attanasi
Venezia (VE)

Gentile Veronica, lei soffre di una incoordinazione menisco condilare, patologia molto diffusa nei giovani soggetti di sesso femminile. La giusta terapia consiste nella ricerca della corretta posizione mandibolare, ottenuta mediante un ortotico che scaturisca da una corretta indagine neuromuscolare e dopo circa un anno di corretta terapia articolare una ortodonzia che porti i denti in una centrica (occlusione)fisiologica. In caso contrario sarà praticamente obbligata a portare un bite tutta la vita.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Michele Lasagna
Bereguardo (PV)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentile sig.ra, il bite non guarisce la sua patologia ma serve a farla star meglio, in attesa di fare una diagnosi corretta per sistemare la sua occlusione e la posizione mandibolare. Non è facile, tranne in casi di conclamata malocclusione, trovare la causa scatenante della patologia articolare (ATM), perchè spesso altri distretti corporei, situazioni emotive, biochimiche, stress ripetuti, scaricano sulla bocca le loro tensioni..Un esame posturale statico e dinamico, il controllo della vista e test di convergenza, l'appoggio plantare ecc..,guideranno, con l'ausilio di metodiche diagnostiche scientificamente ACCETATE E NON (OTEOPATIA, KINESIOLOGIA APPLICATA, CHIROPRATICA, ecc), il suo odontoiatra a trovare la giusta diagnosi e terapia. Nel frattempo, se col vecchio bite sta meglio, anche se usurato, lo porti: il sistema del suo schema neuropsicofisico, (engramma neuromuscolare), non accetta la sua occlusione. Cordialmente dr Angelo Beghini Cassano D'Adda MI e Comazzo LO
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Angelo Beghini
Cassano d'Adda (MI)