Domanda di Apparecchio invisibile

Risposte pubblicate: 6

Da circa due anni ho iniziato il trattamento con l' apparecchio invisibile

Scritto da Stefano / Pubblicato il
Da circa due anni ho iniziato il trattamento con l' apparecchio invisibile che ha sistemato quasi alla perfezione i miei denti. Ma da qualche mese sto riscontrando problemi all' occhio destro, poichè ho iniziato ad avere un caso di Diplopia, dovuto allo spostamento dell' occhio, dall' asse centrale, di circa 15 gradi. Con le visite oculistiche hanno visto che soltanto coprendo l' occhio sinistro, il destro torna in posizione centrale. Ciò è dovuto al fatto che tendo a vedere solo con un occhio. Volevo capire se vi è un nesso tra le due cose e in caso di risposta positiva se si tratta di una situazione transitoria o meno. Grazie anticipatamente.
Via mail impossibile rispondere anche se credo che in virtù dell'azione di allineamento dentale che solitamente ed esclusivamente l'ortodonzia con quel tipo di apparecchio esegue difficilmente possano esserci correlazioni. Cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia

Noi sappiamo che c'è una relazione fra occlusione e vista. Se il trattamento con l'apparecchio invisibile ha solo allineato i denti senza occuparsi del combaciamento delle arcate (come talora succede con questi apparecchi) o, peggio ancora ha creato rapporti fra sopra e sotto che non vanno bene, allora ci possono essere nessi e relazioni fra le due cose. Ci vuole la visita di un ortognatodontista, ovvero di un ortodontista che capisca bene la occlusione etc.

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Lei ha raggiunto una buona coordinazione fra le arcate con buoni contatti fra i denti posteriori? Se non avesse questi contatti si deve fare qualche cosa, tipo elastici di chiusura. Cordialmente

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile signora, ho una discreta esperienza con questa tecnica mi pare poco probabile che questo tipo di apparecchio (come qualsiasi altra tecnica) possa averle provocato questi problemi. In ogni caso senza sottoporla ad una visita che permetta di valutarla in modo completo non si può esprimere un giudizio.

Scritto da Dott. Alvise Cappello
Padova (PD)

Caro Signor Stefano, Diplopia viene dal Greco Antico “diplous” e “ops” che significano doppio e occhio! La etiopatogenesi di regola può essere intrinseca all'occhio, ossia a malattie dell'occhio come patologie della retina, del cristallino, del corpo vitreo, della macula oppure estrinseca per malattie in genere neurologiche periferiche o centrali! Poi, ma come ultima diagnosi differenziale, da gravi disordini gnatologici che all'età di 23 anni mi sembra improbabile che lei possa avere! Mah, tutto è possibile e solo una visita clinica può portare ad una diagnosi o ad almeno un sospetto diagnostico! Per "'apparecchio cosiddetto invisibile, non penso che centri niente! Non è l'apparecchio che è solo un mezzo per ottenere una terapia, ma il Dentista, l'Ortodontista colui che crea terapia. In parole povere deve chiedere "è la cura ortodontica che può aver causato questo?"! Rispondo, lo chieda al suo Ortodontista, per quanto le risposte dei colleghi ed amici Dr. Passaretti e Dr. Spagnoli debbano essere prese in altissima considerazione essendo entrambi eccellenti Ortodontisti, in particolare il Dr. Spagnoli, nel sapiente uso dell'Invisalign! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Stefano, questa domanda la deve rispondere il suo oculista in collaborazione con l'odontoiatra.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Sullo stesso argomento