Domanda di Apparecchio invisibile

Risposte pubblicate: 17

Mio figlio di 10 anni dovrà mettere l'apparecchio dentale

Scritto da roberta / Pubblicato il
Salve, mio figlio di 10 anni dovrà mettere l'apparecchio dentale perchè ha l'arcata dentale stretta e i denti definitivi non hanno lo spazio sufficiente per essere allineati. Ho sentito parlare dell' apparecchio invisibile con le mascherine e volevo sapere se è adatto al caso di mio figlio o se è meglio optare per il classico apparecchio fisso. Grazie mille
Sig. Roberta, forse sono un vecchio tradizionalista, ma in fase di crescita, dove si vogliono ottenere dei movimenti ortopedici più che ortodontici, ritengo più indicato le cure ortodontiche tradizionali meno pubblicizzate. Comunque segua i consigli del suo odontoiatra, sempre che risulti iscritto all’ordine dei medici.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Ortodonzia come esempio. Da casistica della Dr.ssa Claudia Petti Ortodontista in Cagliari
Cara Signora Roberta, La diagnosi Ortodontica è cosa seria e dipende da una infinità di problemi da valutare con accurato check up ortodontico e cefalometria che misura delle semirette che individuano dei piani e degli angoli in base a cui si fa una diagnosi e si prospetta una terapia ortodontica e che è compreso in più visite, rilievi di dati e soprattutto uno studio a "tavolino" dei problemi da correggere. La Diagnosi Ortodontica e la progettazione terapeutica sono come una progettazione matematica di una espressione, di un problema che la cui soluzione è in una sequenza di espressioni , numeri e dati e chiedere quello che chiede lei per l'ortodonzia sarebbe come chiedere ad un matematico il risultato di un problema senza fargli fare tutti i "passaggi" che lo possano portare alla soluzione richiesta che le può dire solo un Ortodontista dopo le visite suddette. Non posso quindi esprimere giudizi, senza vederla! Non solo non sarebbe corretto, ma non sarebbe professionale. Riguardo alla sua domanda sulla Metodologia Invisalign deve sapere, visto che chiede un parere e cita l'invisalign, premettendo per correttezza che è il mio pensiero personale, pur ritenendo la tecnica con l'invisalign eccellente e che da risultati eccellenti, che: l'INVISALIGN usa delle mascherine trasparenti, il caso viene studiato negli Stati Uniti e non dal suo Dentista che si limita a raccogliere i dati (impronte con particolari portaimpronta trasparenti ai raggi X, forniti dalla Invisalign stessa, fotografie intraorali frontali e laterali dell’occlusione statica, fotografie extraorali del sorriso, profilo , frontale e a riposo ,Teleradiografia con tracciato cefalometrico e OPT) che invia negli USA alla Società inventrice di questa tecnologia, Align Technology, Inc. che si trova a Santa Clara, California. Qui avviene la acquisizione dei dati inviati, la scannerizzazione delle impronte che permettono la creazione con un sofisticato software di un modello a 3 D (tre dimensioni spaziali) e la creazione di un filmato detto Clin-Check, nel Computer del centro USA e sempre un software sposta i denti in tempo reale sul modello fino ad avere la correzione finale (CORREZIONE CHE AVVIENE NEGLI USA) e le varie fasi intermedie. A questo punto un sofisticato Robot Computerizzato fresa le mascherine per adattarle in modo preciso agli spostamenti che si devono ottenere e vengono inviate in Italia al Dentista che le ha richieste e così via con cambi e sostituzioni delle stesse fino ad ottenimento del risultato. Per onestà e serietà professionale confermo, come già detto, che la tecnica della Società ALIGN è veramente fantascientifica ed eccellente … che il Dentista oltre a raccogliere i dati fa anche una diagnosi cefalometrica…ma…e questo è IL CUORE CENTRALE DI TUTTO, GLI SPOSTAMENTI LI DECIDONO NEGLI USA… ed io , ripeto, per la mia "forma mentis", non "gradisco" che altri interferiscano e decidano per me! e trovo giusto esprimere liberamente la mia opinione personale,il fatto è che una tecnica che non dipenda da me, che non sia frutto della mia alta capacità decisionale e professionale, NON può appartenermi! IO sono un medico che non cura semplicemente per curare, per vagliare delle tecniche, per esercitare competenze! IO curo nel senso alto del termine: MI PRENDO CURA del paziente e voglio avere di lui la responsabilità piena, mi sento responsabile, ossia, ABILE nel RISPONDERE! Non voglio qualcuno che lo faccia per me, nel bene e nel male!!! Questo è ovviamente una mia personale "visione" dell'Odontoiatria in generale ed anche dell'Ortodonzia, oltre che uno "stile di vita". Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig.ra Roberta, trattandosi di un caso, almeno da quanto scrive, con arcata dentale stretta ed in cui verosimilmente dovranno essere effettuati movimenti oltre che dentali anche ossei sarebbe consigliabile l'ortodonzia classica. Cordialmente

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Sebbene i dispositivi invisibili possano risultare affascinanti, credo che un dispositivo fisso sia la soluzione migliore, soprattutto considerata l'età di suo figlio.

Scritto da Dott. Luca Boschini
Rimini (RN)
Consulente di Dentisti Italia

Gli allineatori "invisibili" non credo che facciano al caso di suo figlio.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile signora copio in tutto e per tutto il consiglio del dott. Ruffoni. Senza entrare nel merito delle pur peculiari caratteristiche degli apparecchi trasparenti, ove vi sia la necessità di effettuare azioni ortopediche oltrechè ortodontiche, probabilmente gli apparecchi tradizionali sono più versatili. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentile signora l'età di suo figlio sconsiglia decisamente l'utilizzo di apparecchi mobili e/o invisibili indipendentemente dal tipo di malocclusione perchè la gestione dell'apparecchio verrebbe affidata a lui e per esperienza le dico che 9 volte su 10 i bambini perdono gli apparecchi rimovibili. Decisamente meglio l'ortodonzia FISSA tradizionale. Cordiali saluti

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Rocchi
Roma (RM)

Fosse mio paziente all'eta' di suo figlio proporrei sicuramente un trattamento "tradizionale" Cordiali saluti

Scritto da Dott. Paolo Vavassori
Stezzano (BG)

Gentile Roberta, Suo figlio andrà incontro a movimento ortopedici più che ortodontici; questo significa che saranno le basi ossee ad essere interessate poichè a 10 anni le suture tra le ossa non sono ancora saldate. Dovrà pertanto portare o un ER (espansore rapido) o un Quadelix per ampliare il palato;lasci perdere le mascherine in questo caso. Non si preoccupi il Suo ortodontista saprà cosa è meglio per Suo figlio. Cordialmente

Scritto da Dott. Luca Baucia
Cavenago di Brianza (MB)
Milano (MI)

LA COSA IMPORTANTE E' FARE UNA DIAGNOSI ACCURATA. Questa si ottiene con la cefalometria (veda i miei articoli in proposito su questo sito, o sul mio). Si tratta di misurazioni della struttura osteoscheletrica del bambino, da cui proviene la diagnosi giusta. Quest'ultima mette al riparo da un problema che specie nel caso della carenza di spazio é molto pressante: la recidiva. Cioè che quando poi si smette la correzione si perda poi in parte e qualcosa si sposti di nuovo. Questo può avvenire sia con le mascherine che col fisso (ma giustamente i colleghi sottolineano che il fisso classico é migliore, e lo é anche da questo punto di vista, della stabilità del risultato). Quindi solo da una diagnosi completa, fatta con 3 radiografie e le impronte, le foto etc, si può ottenere poi una terapia corretta che metta al riparo da queste problematiche di perdita dei vantaggi ottenuti. Se non viene eseguita questa metodica, la dentimetria etc, e il caso viene studiato.. ad occhio, c'é dunque il rischio, nell'affollamento, che in un primo tempo la correzione sia buona e poi si perda.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento