ricerca nel sito Cerca il Dentista nella tua città Cerca in

Flash Player non trovato: lo puoi scaricare qui.

(area promo)

Articoli in odontoiatria

Ricerca fra gli Articoli di Odontoiatria

   
Ricerca per categoria:  Ricerca parole chiave:
Dentista: Domande e Risposte

Domande al Dentista

studio dentistico a comoClinica Dentistica a COMO
Dr. Walter Renda


TERAPIE D'ELITE A PREZZI CONTENUTI. FINANZIAMENTI A TASSI AGEVOLATI.
vai al sito


STUDIO DENTISTICO DEODATO
Dr. Enrico Deodato

Impianti dentali di QUALITA'.
Terapie MINI-INVASIVE.
Interventi e recuperi in TEMPI RAPIDI
vai al sito
(area promo)
 Patologia orale

La sindrome della bocca che brucia



La sindrome della bocca che brucia

Fastidiosa patologia che puo' presentarsi alla poltrona del dentista...

La sindrome della bocca che brucia, burning mouth syndrome (BMS), è una patologia caratterizzata da dolore cronico nel distretto orofaciale con una prevalenza nella popolazione del 3% soprattutto in quella di mezza età ed anziana. Questo disturbo si caratterizza per la presenza di bruciori localizzati all'interno della bocca e che possono interessare la lingua, le mucose delle guance, le labbra, il palato. Possono essere presenti anche dolore pungente, prurito, gusto alterato, bocca asciutta (xerostomia).

 

Nonostante la sensazione di bruciore possa essere notevole, le mucose della bocca possono presentarsi sane, senza la presenza di nessuna alterazione o lesione. Anche gli esami ematochimici, le prove relative alla salivazione, le indagini per verificare la presenza di infezioni e tutte le valutazioni che vengono effettuate per stabilire la diagnosi danno spesso risultati normali.

 

Si è quindi ipotizzata per questa sindrome una genesi multifattoriale: ipovitaminosi(gruppo B), patologie sistemiche (reflusso gastro-esofageo, diabete), terapie farmacologiche prolungate, assunzione di cibi irritanti e spezie, fumo eccessivo, protesi dentali incongrue, ma soprattutto una componente emotiva (ansia e depressione).

 

Una terapia specifica non c'è. Confortante è sapere che il carattere di tale affezione è assolutamente benigno, tanto che a volte si ha remissione della patologia anche in assenza di terapia. Spesso è stata dimostrata l'efficacia dell'assunzione di un integratore alimentare con funzione antiossidante l'acido alfa lipoico, noto come acido thioctico, in quanto si incrementano i livelli intracellulari di glutatione eliminando i radicali liberi. La sua efficacia, nel 70% dei casi trattati, (secondo uno studio dell'Università di Napoli) potrebbe avvalorare l'ipotesi che la BMS sia una neuropatia.



Scritto da Dott. C. Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia