Ozonoterapia dentale

Una risorsa tecnologica in grado di rallentare sensibilmente la progressione della carie nei bambini, permettendo di rimandare le cure conservative strumentali ad età più mature
HealOzone by Dott. Paolo Passaretti 11-12-2012
L'idea di sfruttare l’ozono per le terapie dentali non è affatto recente. Già venti e più anni fa erano state proposte apparecchiature eroganti ozono per una applicazione sui denti. Queste primitive apparecchiature non permettevano, però, quello che la moderna macchina Healozone, ideata dal prof Linch della università di Londra consente. Grazie alle cappette che isolano il dente sotto una leggera pressione negativa, abbiamo due effetti molto importanti: l’ozono non si disperde nell’ambiente (sarebbe potenzialmente irritante per le vie aeree del paziente e degli operatori) e può, di conseguenza, essere usato a concentrazioni molto elevate.

L’osservazione dell'utilità dell’ozono in medicina risale a molto tempo fa: durante la prima guerra mondiale si vide che le ferite di guerra dei soldati ricoverati in un ospedale da campo guarivano molto più in fretta del consueto. Si osservò che questo era dovuto alla immediata vicinanza con una centrale elettrica che, accidentalmente, produceva ozono e lo disperdeva nelle aree circostanti. L’ozono ha una capacità antibatterica prossima alla sterilizzazione totale (96% dei germi di ogni tipo vengono distrutti) e gli studi degli autori inglesi indicano che la sua sottile molecola penetra fino a 3 mm dentro la sostanza del dente (un valore molto elevato indubbiamente) e in una applicazione di 30 secondi può effettuare questa azione germicida totale.

Ciò, unito alle proprietà di biostimolazione (antidolorifiche e antinfiammatorie naturali dell’ozono) metterebbe il dente vitale in condizione, una volta eliminata la noxa patogena, di porre in atto le sue capacità difensive, con la apposizione di dentina di reazione da un lato, barriera a nuove infiltrazioni e da un altro lato la rimineralizzazione della lesione. C’è un aumento delle difese contro i radicali, induzione proteica in fase acuta, miglioramento dell'immunità naturale, aumento della sintesi e liberazione dei fattori di crescita, miglioramento della microcircolazione, accelerazione della rigenerazione epiteliale. Si può effettuare poi un restauro-sigillatura. Vi invito a approfondire, molto brevemente, l'argomento in questo link oppure a documentarvi attraverso i numerosi e approvati studi del prof E. Linch nella letteratura internazionale.

I difetti di questa tecnica stanno nel prezzo molto elevato della attrezzatura, peraltro associato a spese di gestione quasi nulle (in questo momento Healozone non viene più importato in Italia proprio per questione di costi, ma si vocifera che è assai prossima la commercializzazione di una macchina simile, prodotta in Italia, dal costo decisamente inferiore). I pregi stanno nella mini-invasività della procedura che, per carie piccole e medio piccole, prevede l’esclusione dell’uso di mezzi rotanti tradizionali (e quindi anche la necessità della anestesia), massimo risparmio del tessuto dentale e possibilità di effettuare cure indolori in soggetti di ogni età, dai bambini agli adulti, timorosi o non.

Inoltre, applicazioni periodiche della macchina dell’ozono in soggetti ad elevata cariorecettività effettua, sempre secondo studi approvati, una ferma azione di prevenzione della carie, associata a sigillatura o meno. C’è poi un campo di utilizzo del tutto esclusivo che è veramente prezioso perchè le alternative sono davvero poche: in bambini piccolissimi con ECC (carie da biberon) l’applicazione del gommino dell’ozono è l’unica risorsa terapeutica in casi dove, vista la tenera età (si parla di bambini alle volte di un solo anno di età, già colpiti dalla carie) nessuna altra manovra terapeutica sarebbe possibile in quanto troppo pericolosa e stressante per il piccolo. La applicazione periodica ripetuta del solo ozono sembra sia in grado di rallentare sensibilmente la progressione della carie permettendo di rimandare le cure conservative strumentali ad età più mature in cui il pericolo di uso degli strumenti odontoiatrici sia diventato minore e relativo. In questi particolari (non rari purtroppo) casi, l’ozono sembra non abbia rivali.

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

TAG: ozonoterapia dentale