Impianti dentali originali o compatibili?

La scelta oculata di impianti dentali compatibili può far risparmiare oltre il 60% dei costi senza alcuna perdita di qualità.
Impianto compatibile by Dott. Dario Galli 17-10-2014

Qualità al giusto prezzo: questo è l’impianto che ogni odontoiatra cerca.

Iniziamo col dire che la qualità dei prodotti che costituiscono alcune linee compatibili è assolutamente equiparabile a quella degli originali, ma a prezzi assolutamente competitivi; mentre altre linee (prevalentemente NON made in italy) non hanno nulla a che vedere con le più blasonate linee originali.

Non voglio sembrare di parte ma dopo molti anni di utilizzo di una linea compatibile posso raccontarvi il perché della mia scelta.

Innanzitutto il protocollo chirurgico dei compatibili che utilizzo è identico ai quello dei rispettivi marchi.

Lo standard qualitativo viene garantito dapprima attraverso i controlli a campione effettuati durante la produzione ed eseguiti secondo un protocollo predefinito dall’ufficio tecnico, specifico per ogni singolo componente, attraverso l’uso di attrezzature dedicate e realizzate per ognuno di essi. Questo protocollo garantisce uno scarto dello 0,1% del lotto prodotto e successivamente, attraverso una serie di controlli dimensionali funzionali ed estetici sul 100% dei pezzi, viene intercettato anche quello 0,1%. A corredo del lotto viene emesso un fascicolo documentale che riporta ogni voce oggetto del controllo, la data e la firma dell’operatore che l’ha eseguito, in modo da poter eseguire accertamenti in ogni momento ed a fronte di qualsiasi esigenza.

Questa documentazione è a totale disposizione dei clienti di questa azienda insieme a tutta la documentazione relativa alle certificazioni, alle indagini cliniche e ai report di controllo rilasciati da prestigiosi laboratori specializzati nel settore implantologico.

La qualità è la costante di questi impianti e viene perseguita ancora prima dell’inizio del processo produttivo, attraverso un’attenta analisi del progetto che consente la sperimentazione preventiva per evitare l’insorgere di problemi in fase di produzione.

Il materiale utilizzato per la fabbricazione dei vari componenti è il titanio, che grazie alle sue caratteristiche di amagneticità, cattiva conduzione di calore, bassa densità, elevata resistenza alla corrosione e all’aggressione chimica, garantisce la massima biocompatibilità e osteointegrazione.

Ciò che conta sono i risultati ottenuti dopo 10 anni di utilizzo degli impianti e precisamente delle perfette osteointegrazioni. Questi risultati sono perfettamente in linea con quelli ottenuti dai miei colleghi, che utilizzano gli omologhi “originali”. Lavoro in una grossa clinica dove è stato possibile effettuare numerosi test ed ora posso finalmente affermare che una scelta oculata del compatibile può far risparmiare oltre il 60% dei costi senza alcuna perdita di qualità.

Scritto da Dott. Dario Galli
Bologna (BO)

Sullo stesso argomento