Stress, ansia e disfunzioni dell' apparato stomatognatico

I condizionamenti psicogeni determinati da stress ed ansia, oltre ad essere lespressione disperata e inequivocabile di un intenso disagio psichico esistenziale, ed una zona dombra che oscura e blocca larmonico fluire della vita, influenzano molto negativamente o possono slatentizzare eventuali squilibri preesistenti del Distretto Cranio Cervico Mandibolare.
FISIOGNOMIA e D.C.C.M. by Dott. Sergio Audino 14-03-2009
IL TEST  DI AUDINO

 

 

 

 

Stress, Ansia, Angoscia: si tratta di insidiosi nemici che sempre più frequentemente irrompono nella nostra vita, derubandoci del bene più prezioso: la serenità, la voglia di vivere e di sorridere.

 

La gioia di essere al mondo cede il posto alla sofferenza, alla mancanza di fiducia in se stessi, all’angoscia.

 

Per chi è vittima di questi disturbi, l’esistenza si trasforma in una fatica insostenibile e in un disagio profondo.

 

Lo stress cronico deprime il sistema immunitario, rendendolo vulnerabile a qualsiasi malattia.

 

Alcune delle più comuni conseguenze patologiche sono:

 

  • ipertensione arteriosa,
  • malattie cardiovascolari,
  • diabete,
  • problemi renali,
  • malattie della pelle,
  • allergie,
  • cefalee,
  • cervicalgia,
  • mialgie,
  • disturbi del metabolismo,
  • disordini del comportamento alimentare,
  • disturbi digestivi,
  • disordini gastrointestinali,
  • affaticamento cronico,
  • insonnia,
  • cancro.

 

Lo stress inoltre è causa di un sovraccarico funzionale della muscolatura cranio-facciale e cervicale, che può causare o aggravare ogni disfunzione sia dell’Apparato Masticatorio, incentivando il digrignamento e/o il serramento dentale, coinvolgendo il suo sistema Osteo-Articolare sovraccaricandolo e causando o slatentizzando sia Disfunzioni delle Articolazioni-Temporo-Mandibolari che della intero Distretto Cranio-Cervico-Mandibolare ( D.C.C.M. = Disfunzioni Cranio-Cervico-Mandibolari ).

 

Queste forme esordiscono spesso con un complesso corredo Sintomatologico:

 

  • Click articolari (rumori articolari durante la masticazione e gli sbadigli, etc.)
  • Limitazioni funzionali (limitazione di apertura della bocca e dei movimenti della testa e del collo)
  • Disturbi alla masticazione ed alla deglutizione
  • Cefalea (mal di testa)
  • Cervicalgia (dolore nucale e al collo)
  • Algie e tensioni facciali
  • Ipoacusia (abbassamento della capacità uditiva)
  • Acufeni (fischi e ronzii all’orecchio)
  • Otalgia o senso di orecchio otturato (dolori all’orecchio a fitta o gravativi)
  • Capogiri
  • Torcicollo
  • Parestesia agli arti superiori (formicolio o addormentamento delle braccia, delle mani o delle dita, etc.).

 

Lo stress cronico provoca ansia e depressione; compromette il benessere personale, le relazioni sociali e le prestazioni professionali, causando irritabilità, calo di concentrazione, introversione, stanchezza, mancanza di autostima, senso di fallimento, frustrazione, solitudine, insoddisfazione.

 

Rivolgendosi allo Specialista è infatti possibile essere inseriti in un efficace programma terapeutico personalizzato di riequlibrio psicofisico, indirizzato a contrastare questi implacabili disturbi.

 

Il Programma Terapeutico prevede l’adozione di tecniche che considerano l’ uomo nella sua unità psicosomatica e prevedono metodologie di intervento con lo scopo di fornire concreti strumenti di salute e guarigione.

 

Quando si perde il giusto equilibrio con la vita, significa che si è frantumato un equilibrio ancora più essenziale: quello con se stessi.

 

Ansia, preoccupazioni, paure, angoscia sono in realtà la manifestazione esteriore di un malessere ben più profondo: l’espressione disperata e inequivocabile di un intenso disagio psichico esistenziale, una zona d’ ombra che oscura e blocca l’ armonico fluire della vita.

Scritto da Dott. Sergio Audino
Palermo (PA)

TAG: Stress, ansia e disfunzioni dell' apparato stoma

Sullo stesso argomento