Gli ottavi inclusi: nuove tecniche ambulatoriali

Gli ottavi inclusi sono un problema che spaventa. Oggi, le tecniche chirurgiche riducono la compliance e inducono una guarigione veloce ed indolore
by Dott. Gianluigi Renda 12-02-2014

L'odontoiatria chirurgica si evolve giornalmente mettendo a punto nuove tecniche chirurgiche sempre più "minimamente invasive", che permettono al clinico di prevedere una prognosi sempre più favorevole in termini di stress intra e post operatorio.

Di conseguenza, anche il paziente ne beneficia, con una diminuzione importante di quelle che sono le difficoltà psichiche ad affrontare uno degli interventi odontoiatrici che, nella collettività, rappresentano il luogo comune per eccellenza; luogo comune fatto di terrore psicologico, dolore lancinante e gonfiore post operatorio.

Difatti, i pazienti sono quasi sempre terrorizzati dall'idea di estrarre un ottavo incluso.

Parlando di ottavi c'è da fare un distinguo tra quelli superiore e quelli inferiori: infatti GLI OTTAVI SUPERIORI sono dei denti che non hanno bisogno di grosse manovre osteotomiche, essendo alloggiati in una zona che anatomicamente non presenta impedimenti meccanici alla sua avulsione. Peraltro l'osso mascellare è un tessuto molto più malleabile di quello mandibolare, motivo per cui una estrazione superiore risulta essere quasi sempre atraumatica e senza postumi importanti.

La pianificazione di un intervento di osteotomia inferiore è un momento indispensabile per la riuscita del trattamento chirurgico di avulsione del "dente del giudizio" inferiore. Quando nella ortopantomografia si visiona la radice del dente, bisogna considerarne la forma, la curvatura e l'eventuale vicinanza col nervo alveolare inferiore.

Qualunque dubbio del clinico viene fugato con il dentascan mandibolare, un esame clinico strumentale che garantisce al 100% la visione precisa di nervo e radice del dente.

La diagnosi è cosi fatta.

L'utilizzo di micro bisturi, micro osteotomi, apparecchi piezochirurgici e punti di sutura sottili, fanno il resto in termini clinici / operativi.

E' buona norma, qualora fosse necessaria una osteotomia impotante, utilizzare dei farmaci antidolorifici come i fans ed i cortisonici, nonchè eseguire sciacqui con soluzioni disinfettanti (collutori alla clorexidina).

Nella clinica ambulatoriale si è abbattuta di gran lunga la complicanza post operatoria.

Oggi l'estrazione degli ottavi inclusi e seminclusi, seppur tecnicamente impegnativi, hanno visto una drastica riduzione della compliance, con un decorso post operatorio favorevole nella maggior parte dei casi clinici documentati in letteratura.

Scritto da Dott. Gianluigi Renda
Castrovillari (CS)

TAG: gli ottavi inclusi: nuove tecniche ambulatoriali