VARATO IL NOMENCLATORE DELLE CURE ODONTOIATRICHE

22-12-2008

Dalle biopsie alla scialometria, dalla chirurgia implantare alle protesi: il nuovo Nomenclatore è la summa di tutte le prestazioni dell’odontoiatria, ciascuna spiegata in maniera dettagliata e in termini comprensibili anche ai non addetti ai lavori.

 

“Il Nomenclatore è uno strumento snello e facilmente consultabile", spiega il presidente CAO (Commissione Albo Odontoiatri) nazionale, Giuseppe Renzo, "e sarà un valido ausilio per l’esercizio della professione e per la consultazione in caso di contenzioso. Ma  soprattutto costituisce un forte richiamo etico verso il paziente”.

 

Il nomenclatore, infatti, definendo, voce per voce, quali sono e in che cosa consistono le opere professionali che un odontoiatra può prestare, costituisce un’importante tutela del paziente contro l’abusivismo.

 

“Altra cosa è il tariffario", continua Renzo, "la cui opportunità ci riserviamo di  valutare successivamente e che va contestualizzato, altrimenti utile solo per chi vende merci e prodotti, e non per chi eroga prestazioni intellettuali. Altra cosa ancora il tempario, che mortifica il rapporto empatico con la persona e trasforma un’arte in un artigianato”.

 

Ecco quindi che il Nomenclatore diventa prezioso strumento di trasparenza nel rapporto tra l’odontoiatra e il suo paziente, con una duplice valenza: quella di sensibilizzare all’uso di un linguaggio facilmente comprensibile e quella di definire con chiarezza le voci a cui poi si riferiranno gli onorari.

 

“La libera professione ha sinora assicurato ai cittadini la libera scelta del proprio medico di fiducia. È questo un diritto da garantire anche in futuro, se si crede nei valori fondanti l’Alleanza Terapeutica, vera tutela del bene Salute. L’alternativa sarebbe scadere in rapporti contrattuali di tipo mercantile. È questo un principio fondamentale con il quale si chiude virtualmente il cerchio di un percorso che, partendo dalla formazione pre-laurea e proseguendo con l’aggiornamento, ha come obiettivo finale un professionista con una solida preparazione etica e deontologica, un adeguato approccio empatico, un’eccellenza clinica anche in campi come la prevenzione delle patologie del cavo orale”, conclude il presidente CAO.

 

Fonte: Ufficio Stampa FNOMCeO 2008

Latest News

Acqua frizzante? Può far male a stomaco e denti.

L'anidride carbonica è sotto accusa perché può causare danni ai denti . 20-06-2016

Carie e parodontite: i principali disturbi del cavo orale per l'Oms

L'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) evidenzia l'incidenza e la pericolosità anche di altre patologie 08-01-2016

Il tè arricchisce il fluoro dei denti

Le varietà meno care contengono più fluoro 16-12-2015

L' ORIGINE DELLO SPAZZOLINO DA DENTI E DEL DENTIFRICIO

Sembra incredibile, ma già 3.000 anni avanti Cristo gli egiziani si pulivano i denti con uno spazzolino rudimentale. 22-11-2015

Perugia, ascesso a 102 anni: bisnonna operata sul lettino dell'ambulanza

L'estrazione è dovuta avvenire in Ospedale a Perugia, in presenza anche di un grave ascesso odontogeno, con la bisnonna che[...] 17-09-2015

Il tè al latte è uno sbiancante naturale, per denti senza macchia.

Tutto merito della caseina, la proteina più importante del latte, che cattura i tannini lasciando i denti immacolati. E alla lunga[...] 17-08-2015

Salute dei denti, 5 nemici che la mettono a rischio

Sappiamo bene che per avere denti in salute bisogna curare l’igiene orale, ma questo non è tutto! Ecco quali sono gli alimenti che possono[...] 24-06-2015