I CHEWING GUM FANNO BENE O MALE?

19-01-2008

Sempre più spesso si trovano in commercio chewinig gum “per denti più sani”. Ma come? ci hanno sempre insegnato che le gomme fanno male ai denti. Dove sta la verità? La parola magica è xilitolo, un dolcificante naturale che non viene fermentato dai batteri e quindi non determina la formazione degli acidi che attaccano lo smalto dei denti. Negli ultimi trent’anni numerosi studi hanno mostrato che se viene assunto in maniera prolungata porta a grossi benefici per l’igiene orale tanto da ridurre la formazione della carie dal 30 all’80% a seconda dei diversi casi.«Ci sono quattro buoni motivi per assumere xilitolo», ha spiegato il professore finlandese Kauko Mäkinen durante il suo intervento alla conferenza il ruolo dello xilitolo nell’igiene orale, «riduce l’incidenza delle carie, la stabilizza nei soggetti con una dentatura compromessa, fa diminuire la produzione della placca e riduce la presenza di streptococchi mutans che attaccano lo smalto dei denti».«L’utilizzo dello xilitolo andrebbe promosso e favorito anche con leggi statali» ha affermato il nutrizionista Andrea Strata dell’università di Parma «penso ad esempio al suo utilizzo nelle bustine di zucchero o in altri alimenti di uso frequente.Anche se va detto che l’idea di utilizzarlo nel chewing gum è stata geniale».La masticazione del chewing gum svolge un valido effetto detergente attraverso l’azione meccanica di rimozione dei residui di cibo, fa aumentare il flusso di saliva che riduce il ph della cavità orale e neutralizza gli acidi che si formano per la fermentazione microbica degli zuccheri.Se a queste azioni benefiche si aggiungono le proprietà dello xilitolo capiamo che masticare queste gomme può essere di grande aiuto per l’igiene orale.Però attenzione, non è sufficiente mangiare chewing gum per mantenere i denti sani, resta fondamentale lavarli dopo ogni pasto. «Però masticare gomme allo xilitolo ogni volta che non è possibile lavarsi i denti con lo spazzolino rappresenta un valido mezzo per prevenire la formazione di placca» conclude il professor Romano Grandini titolare della cattedra di odontoiatria conservatrice dell’università degli studi di Firenze.
Fonte: Sanihelp

Latest News

Acqua frizzante? Può far male a stomaco e denti.

L'anidride carbonica è sotto accusa perché può causare danni ai denti . 20-06-2016

Carie e parodontite: i principali disturbi del cavo orale per l'Oms

L'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) evidenzia l'incidenza e la pericolosità anche di altre patologie 08-01-2016

Il tè arricchisce il fluoro dei denti

Le varietà meno care contengono più fluoro 16-12-2015

L' ORIGINE DELLO SPAZZOLINO DA DENTI E DEL DENTIFRICIO

Sembra incredibile, ma già 3.000 anni avanti Cristo gli egiziani si pulivano i denti con uno spazzolino rudimentale. 22-11-2015

Perugia, ascesso a 102 anni: bisnonna operata sul lettino dell'ambulanza

L'estrazione è dovuta avvenire in Ospedale a Perugia, in presenza anche di un grave ascesso odontogeno, con la bisnonna che[...] 17-09-2015

Il tè al latte è uno sbiancante naturale, per denti senza macchia.

Tutto merito della caseina, la proteina più importante del latte, che cattura i tannini lasciando i denti immacolati. E alla lunga[...] 17-08-2015

Salute dei denti, 5 nemici che la mettono a rischio

Sappiamo bene che per avere denti in salute bisogna curare l’igiene orale, ma questo non è tutto! Ecco quali sono gli alimenti che possono[...] 24-06-2015