Carie e parodontite: i principali disturbi del cavo orale per l'Oms

08-01-2016

Carie, gengivite e parodontite sono i disturbi del cavo orale più diffusi tra la popolazione, ma non sono gli unici.

L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) evidenzia l’incidenza e la pericolosità di altre patologie come il cancro orale, il cosiddetto “labbro leporino” e la noma. Si tratta di malattie che se non trattate tempestivamente e in modo adeguato, potrebbero determinare conseguenze gravi.

Ecco, nello specifico, i principali disturbi orali elencati dall’Oms.

Carie - È una malattia degenerativa dei tessuti duri del dente, che si sviluppa sulla superficie fino a raggiungere la polpa dentale. Colpisce il 60-90% dei bambini in età scolare e quasi la totalità degli adulti di tutto il mondo.

Parodontite - È un'infiammazione profonda delle gengive provocata dai batteri presenti nella placca dentale, che non è stata adeguatamente rimossa con una corretta igiene orale Questa patologia rappresenta la sesta malattia più diffusa al mondo e la prima causa di perdita dei denti. colpisce il 15-20% degli adulti di mezz’età di tutto il pianeta. In Italia ne soffrono tre milioni di italiani, che ogni anno spendono circa un miliardo di euro per curarne le conseguenze, in particolare per sostituire i denti persi con delle protesi dentali.

Perdita dei denti - Circa il 30% delle persone di età compresa tra 65 e 74 anni non possiede più denti naturali. Le principali cause della perdita dei denti sono la carie e la parodontite. Cancro orale - Nella maggior parte dei paesi, la malattia colpisce da una a 10 persone ogni 100 mila abitanti. È diffusa soprattutto tra gli uomini, gli anziane e i soggetti che hanno un basso livello d’istruzione e un reddito basso. La cause principali sono il tabacco e l’alcol.

Infezioni micotiche, batteriche e virali da Hiv – Il 40-50% dei sieropositivi sviluppa questo tipo di disturbi, soprattutto nelle prime fasi dello sviluppo dell’infezione da Hiv.

Traumi dentali - In tutto il mondo, dal 16 al 40% dei bambini di età compresa tra 6 e 12 anni vengono colpiti da traumi dentali. I principali motivi sono gli incidenti stradali, la violenza, ma anche la mancanza di misure di sicurezza nei campi da gioco e nelle scuole.

Noma - È una malattia che provoca la distruzione dei tessuti ossei e molli del viso. È diffusa soprattutto tra i bambini che vivono in condizioni di povertà estrema in Africa e Asia. Nasce come patologia gengivale, cui segue la necrosi (morte precoce delle cellule nel tessuto vivente) di labbra e mento. Circa il 90% dei malati muore se non riceve un trattamento adeguato.

Labiopalatoschisi - È una malformazione del viso, comunemente nota come "labbro leporino". Si presenta con un'interruzione più o meno grande del labbro superiore, della gengiva e del palato. Colpisce un bambino ogni 500-700, ma il tasso varia considerevolmente tra i diversi gruppi etnici e le differenti aree geografiche.

Latest News

Acqua frizzante? Può far male a stomaco e denti.

L'anidride carbonica è sotto accusa perché può causare danni ai denti . 20-06-2016

Il tè arricchisce il fluoro dei denti

Le varietà meno care contengono più fluoro 16-12-2015

L' ORIGINE DELLO SPAZZOLINO DA DENTI E DEL DENTIFRICIO

Sembra incredibile, ma già 3.000 anni avanti Cristo gli egiziani si pulivano i denti con uno spazzolino rudimentale. 22-11-2015

Perugia, ascesso a 102 anni: bisnonna operata sul lettino dell'ambulanza

L'estrazione è dovuta avvenire in Ospedale a Perugia, in presenza anche di un grave ascesso odontogeno, con la bisnonna che[...] 17-09-2015

Il tè al latte è uno sbiancante naturale, per denti senza macchia.

Tutto merito della caseina, la proteina più importante del latte, che cattura i tannini lasciando i denti immacolati. E alla lunga[...] 17-08-2015

Salute dei denti, 5 nemici che la mettono a rischio

Sappiamo bene che per avere denti in salute bisogna curare l’igiene orale, ma questo non è tutto! Ecco quali sono gli alimenti che possono[...] 24-06-2015

L'uomo inquinava già 400mila anni fa. Lo dicono i suoi denti

Analizzando il tartaro di alcuni fossili rinvenuti in Israele, gli archeologi hanno scoperto tracce di polvere di carbone dovute a fumi[...] 21-06-2015