Boom apparecchi denti negli adulti, un paziente su 5 e' over 40

12-10-2011
Un paziente su 5 mette l'apparecchio ortodontico a 40 anni e oltre. Si tratta soprattutto di donne, che rappresentano il 72% di chi sceglie di rimettere a posto la dentatura per motivi estetici, ma anche funzionali. Nei grandi le percentuali di malocclusioni, per esempio, sono maggiori che nell'infanzia, spiega Raoul D'Alessio, esperto di estetica facciale docente alla scuola di specializzazione di ortognatodonzia dell'università del Sacro Cuore di Roma


"L'apparecchio negli adulti è diventato molto più comune - spiega D'Alessio all'Adnkronos Salute - ma, nonostante il picco di crescita del ricorso a trattamento ortodontico degli ultimi anni, si tratta ancora solo di una piccola percentuale di tutti quelli che potrebbero realmente beneficiarne, a livello estetico o per correggere e prevenire problemi clinico-medico". Avere portato l'apparecchio da piccoli, però, non esclude che "a distanza di 20-30 ci sia bisogno di nuovo di un trattamento, magari meno lungo, per ricreare un equilibrio di tutto l'apparato masticatorio che, nel tempo, può squilibrarsi", aggiunge l'esperto.


Le nuove tecniche ortodontiche - con apparecchi che, in molti casi, possono essere anche invisibili, non necessitano di controlli troppo ravvicinati né di trattamenti non troppo lunghi - riducono il disagio psicologico e facilitano la scelta da parte degli adulti. "Secondo le stime - spiega D'Alessio - se parliamo solo di 'aggiustare' il sorriso, circa l'80% dei pazienti odontoiatrici potrebbe beneficiare dei nuovi congegni 'invisibili', facili da gestire ed efficaci". Il restante 20% "presenta problemi ortodontici più complessi - continua D'Alessio - Spesso si tratta di interventi sulla mantibola o di riposizionare un dente. In questo caso sono necessari metodi più tradizionali che comunque sono ormai resi accessibili e sopportabili, anche nella vita sociale".


Ma perché mettere un apparecchio a 47 anni? "I denti accavallati, 'affollati' e la cattiva forma del morso - avverte D'Alessio - predispongono a malattie paradontali e gengivali, problemi che colpiscono il 40% della popolazione italiana". In questo 40% l'apparecchio può, come hanno dimostrato i dati scientifici, anche in fasi avanzate, migliorare la durata di tutte cure odontoiatriche nel tempo.


E' necessario infatti, "prima intervenire proprio con l'ortodonzia, ripristinare gli equilibri ossei e tessutali e poi reintegrare i denti persi o fare le altre cure - prosegue l'esperto - Il rischio è perdere quanto ottenuto anche con le metodiche più avanzate, come l'innesto di osso e la chirurgia paradontale. I processi patologici non possono fermarsi, perché la malocclusione o la malposizione comportano in sé un potenziamento della patologia". Gli impianti dentali, per esempio, ancorati all'osso con una vite di titanio, "non avendo il legamento paradontale rischiano sotto la pressione sbagliata dell'osso di cadere". Per questo negli Usa prima, dell'impianto, viene prevista una valutazione ortodontica.


L'apparecchio, insomma, rappresenta spesso una soluzione curativa "per bloccare negli adulti le malattie gengivali, l'usura delle ossa, il mal di testa, i problemi mandiboloarticolari", conclude D'Alessio.

Fonte: Adnkronos Salute

Latest News

Acqua frizzante? Può far male a stomaco e denti.

L'anidride carbonica è sotto accusa perché può causare danni ai denti . 20-06-2016

Carie e parodontite: i principali disturbi del cavo orale per l'Oms

L'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) evidenzia l'incidenza e la pericolosità anche di altre patologie 08-01-2016

Il tè arricchisce il fluoro dei denti

Le varietà meno care contengono più fluoro 16-12-2015

L' ORIGINE DELLO SPAZZOLINO DA DENTI E DEL DENTIFRICIO

Sembra incredibile, ma già 3.000 anni avanti Cristo gli egiziani si pulivano i denti con uno spazzolino rudimentale. 22-11-2015

Perugia, ascesso a 102 anni: bisnonna operata sul lettino dell'ambulanza

L'estrazione è dovuta avvenire in Ospedale a Perugia, in presenza anche di un grave ascesso odontogeno, con la bisnonna che[...] 17-09-2015

Il tè al latte è uno sbiancante naturale, per denti senza macchia.

Tutto merito della caseina, la proteina più importante del latte, che cattura i tannini lasciando i denti immacolati. E alla lunga[...] 17-08-2015

Salute dei denti, 5 nemici che la mettono a rischio

Sappiamo bene che per avere denti in salute bisogna curare l’igiene orale, ma questo non è tutto! Ecco quali sono gli alimenti che possono[...] 24-06-2015