Gengivectomia a bisello esterno per la terapia dell'ipertrofia gengivale da difenilidantoina

Nei casi in cui la tasca parodontale non supera la giunzione muco gengivale e si dispone di sufficiente gengiva aderente, la gengivectomia a bisello esterno trova eccellente indicazione per il trattamento dell'ipertrofia iperplasia da difenilidantoina
by Dott. Gustavo Petti 01-02-2009

La gengivectomia a bisello esterno trova indicazione quando il fondo della tasca parodontale non supera la linea di giunzione mucogengivale, quando si è in presenza di adeguata banda di gengiva aderente e quando non esistono difetti ossei.

 

Nel rispetto di queste condizioni, l'indicazione d'elezione è la iperplasia-ipertrofia gengivale. Quando la parete gengivale è in preda a fenomeni iperplastici e ipertrofici, la gengivectomia è un intervento che permette di aggredire tutta la superficie radicolare e dove sono i depositi patologici, la cui rimozione consente, dopo alcuni giorni, la rigenerazione di un solco fisiologico e di una papilla gengivale che si riveste di tessuto epiteliale.

 

Il caso clinico presentato mostra una gengivectomia, allargata a tutti i quadranti di entrambe le arcate dentarie, per la terapia di una ipertrofia-iperplasia gengivale tipica da difenilidantoina, in ragazzo epilettico di anni 16, inviatomi dal neurologo due anni dopo la sospensione e sostituzione del farmaco. Siamo in presenza di adeguata banda di gengiva aderente
Dopo aver iniettato lentamente l'anestetico nella piega mucovestibolare e nelle singole papille interdentali, per ottenere la massima emostasi e contemporaneamente rigidità dei tessuti, ho iniziato con una incisione distalmente all'ultimo dente interessato nell'emiarcata superiore destra dal lato vestibolare, bisellando, con un bisturi a fagiolo, l'incisione di circa 45' in direzione coronale. Allo stesso modo si precede dal lato palatale. Si ripassa il percorso dell'incisione iniziale con un bisturi lanceolato interprossimale, festonando l'incisione, per liberare i tessuti interdentali.

 

Se l'intervento e stato eseguito "a regola d'arte" il tessuto reciso viene asportato "in un sol blocco". Si attua un accurato curettage e scaling e si provvede a levigare la superficie cruentata facendo scorrere delicatamente la superficie larga di una lama e usando anche pietre abrasive sotto getto d'acqua per creare margini sottili con superfici interprossimali ben assottigliate e disegnate. Si ripristina l'orlo a festone delle gengive formando degli incavi interdentali con pinzette da gengivo plastica per creare le vie di scarico al cibo durante la masticazione. In corrispondenza di queste docce gengivali, sulla superficie esterna dei setti ossei, si trovano dei solchi incavati detti canali di scarico che assolvono la funzione dello scorrimento del cibo. La figura 7 mostra chiaramente le suddette gocce a guarigione avvenuta. Attuata l'emostasi si applica l'impacco parodontale, che viene rimosso dopo sette giorni, e rinnovato per altri sette. In tempi diversi si procede alla gengivectomia negli altri quadranti.

 

Dopo tre mesi l'architettura gengivale presenta margini. Le papille hanno forma cronico-piramidale e riempiono gli spazi interdentali fino ai punti di contatto interprossimali dei denti. Esse hanno docce per il passaggio del cibo e hanno l'aspetto tipico della gengiva sana.



Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Nei casi in cui la tasca parodontale non supera la giunzione muco gengivale e si dispone di sufficiente gengiva aderente, la gengivectomia a bisello esterno trova eccellente indicazione per il trattamento dell'ipertrofia iperplasia da difenilidantoina
Fig.1Ipertrofia iperplasia gengivale da difenilidantoina
Fig.2 Incisione dal lato palatale
Fig.3Rimozione con bisturi lanceolato del tessuto
Fig.4Tessuto rimosso in un sol blocco
Fig.5Levigatura e regolarizzazione della superficie
Fig.6Modellazione delle docce gengivali
Fig.7Docce gengivali e orlo a festone a guarigione avvenuta
Fig.8Emiarcata superiore sx prima dell'intervento
Fig.9Emiarcata superiore sinistra. Notare la regolarizzazione dei tessuti dal lato palatale
Fig.10Emiarcata inferiore destra la inclinazione del bisturi a fagiolo ├Ę molto meno accentuata perch├ęsiamo in presenza di minor quantit├á di gengiva aderente.La festonatura e la bisellatura verranno eseguite dopo la rimozione dei tessuti alterati attuando un'accurata gengivo plastica
Fig.11Emiarcata inferiore sinistra incisione dal lato linguale col bisturi angolato rispetto allo asse lungo dei denti tendenti allo zero per la scarsità di gengiva aderente
Fig.12Guarigione dei tessuti nelle due emiarcate inferiori
Fig.13Architettura gengivale giusta dopo tre mesi

TAG: Gengivectomia a bisello esterno per la terapia del

Sullo stesso argomento